PSICOLOGIA

In quale bicchiere c'è più acqua?

November 9, 2018 19:17

Siamo onesti: pochi a scuola erano interessati alla fisica e la capivano. La maggior parte di noi percepiva questa disciplina come una punizione, perché non ne comprendeva affatto le formule e le leggi, e sgobbare non funzionava. Solo man mano che cresci, inizi a capire quanto onnipresente sia questa scienza!

Brian A Jackson / Shutterstock.com

Perché l'auto si muove e l'aereo vola? Perché l'acqua può salire fino al 20° piano? Dove va a finire la pozzanghera sul marciapiede? Da dove appare la corrente elettrica nella presa? Come si accende una lampadina? Con che cosa lo smartphone cattura Internet? Non c'è fine a queste domande, perché la fisica non è solo la scienza che spiega i fenomeni del mondo che ci circonda, è la vita stessa.

Shaiith / Shutterstock.com

Enigma di logica e di conoscenza

Ti suggeriamo di applicare le conoscenze della fisica per risolvere un problema logico. Basta anche solo una minima base.

Davanti a te ci sono quattro bicchieri, in ognuno dei quali c'è un oggetto e dell'acqua. Domanda: in quale bicchiere c'è più liquido?

Puoi riflettere ad alta voce, seguendo il filo logico dei pensieri. E solo dopo guarda la risposta corretta.

Avevi capito che si tratta di questo bicchiere?

In sostanza, ogni oggetto occupa un certo spazio nel bicchiere. La graffetta è la più piccola di tutti, il che significa che occupa il volume più piccolo. Da qui traiamo la conclusione: proprio in questo bicchiere c'è più acqua.

Speriamo ora ti sia chiaro che osservare la vita di tutti i giorni ti permette di migliorare le tue abilità nella fisica, fino a perfezionarle. Se hai dei figli, riuscirai sempre a rispondere ai loro "perché" riguardo al mondo che li circonda. Ad esempio sull'arcobaleno, la neve o la pioggia, su un tram di passaggio e sugli abiti sintetici "elettrizzati".

E tu, che voti avevi a scuola in questa disciplina?

LEGGETE ANCHE: Sembra semplice collegare tutti i punti usando quattro linee ma, nella pratica, questo puzzle è una difficile sfida per il cervello umano