Il pancione di Meghan continua a crescere: che succede di solito a questo punto della gravidanza?

Celebrità

December 7, 2018 11:58 By Fabiosa

Il tempo vola! Sembra solo ieri quando è stata ufficializzata la notizia della gravidanza di Meghan Markle, e ora la pancia della Duchessa sembra inconfondibilmente quella di una donna incinta! Ma di quante settimane è?

Il sito web Parents.com stima che Meghan Markle sia incinta di circa 21 settimane. Quali cambiamenti si verificano nel corpo di una mamma e nel corpo del suo bambino a questo punto della gravidanza? Continuate a leggere per scoprirlo!

gettyimages

LEGGETE ANCHE: Il pancione di Meghan Markle è virale sul web, ma la velocità con cui cresce è davvero insolita!

Che succede al corpo della mamma?

Quando si arriva alla 21a settimana come Meghan Markle, non c'è molta differenza rispetto alla settimana precedente. Tuttavia secondo HealthLine le donne, a questo punto della gravidanza, possono iniziare a notare alcuni nuovi sintomi che includono quanto segue:

1. Vene varicose. Il problema spesso si risolve da solo subito dopo il parto.

zlikovec / Shutterstock.com

2.  Infezioni del tratto urinario, con sintomi come bruciore e dolore, minzione frequente e urgente e alterazioni del colore e dell'odore delle urine. Se avete sintomi che le suggeriscono, contattate il ​​medico.

3. Acne e pelle sempre più grassa.

Non tutte le donne hanno questi sintomi durante la 21esima settimana o in qualsiasi momento della gravidanza, ma sono abbastanza comuni. Quindi la nostra Meghan Markle potrebbe non risentirne (e noi lo ce lo auguriamo davvero!).

LEGGETE ANCHE: La depressione durante la gravidanza è più comune di quanto si possa immaginare

RossHelen / Shutterstock.com

Cosa succede al corpo del bambino

Alla settimana 21, il bambino è ancora piccolo! Lui o lei pesa da 310 a 340 grammi e ha le dimensioni di una carota o di una banana.

E stando a quanto riportato da Medical News Today, all'interno del suo corpo continuano ad avvenire i seguenti numerosi cambiamenti:

  1. Il cervello è in rapido sviluppo.
  2. Le ossa si induriscono e il midollo osseo ora produce cellule sanguigne.
  3. Continuano a crescere ciglia, sopracciglia e il corpo inizia a sviluppare peli.
  4. I genitali continuano a svilupparsi.
  5. Le braccia e le gambe diventano più proporzionate al corpo.
  6. Il bambino inizia a muoversi di più.
  7. Si iniziano a sviluppare le papille gustative.
  8. Il bambino inizia ad ingoiare liquido amniotico.

LEGGETE ANCHE: La gravidanza: la differenza tra interagire col proprio figlio quando è ancora nell’utero, ed essere una buona madre

Cosa dovrebbe fare la mamma?

La settimana 21 è l'ideale per eseguire i test genetici, se sono necessari, che possono aiutare a diagnosticare o escludere qualche anomalia. Chiedete al vostro medico se è raccomandato sottoporvi ad alcuni di questi test.

Un altro test che può essere raccomandato per alcune donne è quello per il diabete gestazionale.

Eviart / Shutterstock.com

Inutile dire che le donne incinte dovrebbero evitare alcol, droghe illecite e tabacco (incluso il fumo passivo), e continuare ad seguire una dieta sana (che, contrariamente alla credenza popolare, non prevede di raddoppiare l'assunzione di cibo!). Alcuni alimenti, compresi i formaggi non pastorizzati e carne e pesce poco cotti, dovrebbero essere evitati del tutto.

Le donne incinte dovrebbero inoltre consultare i propri medici su eventuali medicine o integratori (comprese le vitamine prenatali) che intendono iniziare a prendere.

LumineImages / Shutterstock.com

Va bene fare esercizio durante la gravidanza, ma è importante chiedere al medico quali tipi specifici di esercizi siano davvero sicuri. Altrimenti praticate yoga come Meghan Markle! Seguite sempre i consigli dei vostri medici e trascorrete la vostra dolce attesa in modo sano e felice.

Voi come avete affrontato i vostri "nove mesi"? Condividete questo articolo con le vostre amiche, che aspettino un bambino oppure no.


Questo articolo ha scopi puramente informativi. Non utilizzare automedicazioni e, in ogni caso, consultare sempre un professionista sanitario qualificato prima di utilizzare qualsiasi informazione presentata nell'articolo. Il comitato editoriale non garantisce alcun risultato e non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni che possano risultare dall'utilizzo delle informazioni fornite in questo articolo.