Il più grande rimpianto di Loredana Bertè: "Se avessi avuto il telefonino Mimì sarebbe

Loredana Bertè e il doloroso ricordo della sorella: "Se avessi avuto il telefonino Mimì sarebbe ancora viva"

Celebrità

September 4, 2018 18:48 By Fabiosa

Nonostante siano passati più di vent’anni dalla morte di Mia Martini, la ferita nel cuore di Loredana Bertè è ancora aperta.

Loredana, la “Regina del rock italiano”, ricorda la sorella scomparsa con un misto di malinconia e dolore. La sua morte è una ferita molto profonda che ha condizionato la vita intera della cantante.

Mia Martini, una delle più belle voci italiane, purtroppo se n’è andata troppo presto, nel 1995. L'autopsia parlava di arresto cardiaco per overdose di stupefacenti, ma la Bertè ha sempre sostenuto che ci sia stata una responsabilità del padre nel tragico episodio.

Quando uno è troppo brava, tu la distruggi, dicendo che porta male. Mimì non si drogava, si faceva una canna ogni tanto, ma hanno scritto di tutto. L’hanno infamata. Ancora la ricordano male.

In un'intervista concessa a Domenica Live, Loredana si è messa a nudo raccontando del suo più grande rimorso. La Bertè ha anche dichiarato di sentire un forte senso di colpa per la morte della sorella.

Io mi sento un po’ in colpa perché penso che se avessi fatto qualche viaggio di meno e fossi rimasta un po’ più accanto a lei, a parlare con lei, forse sarebbe ancora viva. Io mi sono colpevolizzata per questo: non ho fatto un viaggio di meno per starle vicino.

Il dolore è ancora grande e il rimpianto per non aver potuto evitare la morte di Mimì forse lo è ancora di più.

Lei insistette tanto per darmi un telefonino, io non l’ho voluto, se quella sera lo avessi avuto, lei sarebbe ancora viva. Io ci penso. Non mi perdonerò mai per questo. 

Dicono che il tempo cancella il dolore, ma non è vero: Mimì se n'è andata nel 1995 e per me è come se fosse successo ieri. Neanche oggi ho un telefonino né lo voglio avere: ho perso la telefonata della vita, cosa me ne frega a me di avere un telefono o i social network?

Intervistata da Vanity Fair, la cantante ha dichiarato di essersi punita per questo.

Mi sono punita per questi errori che avrebbero potuto salvarle la vita. Mi sono chiesta: quali sono le cose che mi piacciono di più? Viaggiare e amare. Ho smesso di fare entrambe.

Ho smesso di amare anche me stessa, e non ho più ricominciato. Per tre anni sono rimasta in casa a guardare il soffitto. 

Certamente la vita non è stata tenera con la cantante ma speriamo che gli anni a venire le possano regalare la serenità e i sorrisi che le sono sempre mancati.

gettyimages

Non dimenticarti di condividere il post con gli amici e di esprimere la tua opinione nei commenti!

LEGGETE ANCHE: La straziante confessione di Loredana Bertè: "Sono stata violentata da ragazza. Ero piena di sangue"