Meghan Markle rischia di cadere durante la visita della residenza presidenziale irlandese

Debutto da marito e moglie nella prima visita ufficiale all'estero per il principe Harry e la moglie Meghan. Come meta i duchi hanno scelto l'Irlanda, dove hanno atterrato a Dublino. 

gettyimages

La loro visita durerà due giorni, in cui sono previsti numerosi appuntamenti pubblici. Meghan e Harry hanno iniziato la loro giornata incontrando il presidente Michael D. Higgins e sua moglie nella loro residenza ufficiale Áras an Uachtaráin.

gettyimages

Meghan ha scelto per questo evento un semplice abito e scarpe con tacco nere. Durante la visita alla residenza presidenziale, Harry e Meghan hanno suonato la campana della pace, progettata per celebrare il decimo anniversario dell'accordo di Belfast, situata nel giardino della grande casa del 18° secolo.

La coppia ha visitato i giardini presidenziali e ha coccolato i due cani, Brod e Sioda. In questo caso la Duchessa di Sussex, vista l’ufficialità dell’occasione, si è ricomposta in un abito color tortora con scollo a barchetta.

Un piccolo particolare, però, non è sfuggito al noto quotidiano Daily Express. Mentre la coppia camminava, Meghna si è aggrappata al braccio di suo marito mentre percorreva una stradina acciottolata con le sua scarpe con i tacchi alti. Infatti quando Meghan si è aggrappata al braccio di Harry, lui ha guardato la strada e poi le scarpe della moglie.

Forse a Meghan serviva soltanto una scusa per toccare il marito. Meghan riacquistò rapidamente l'equilibrio e la coppia innamorata proseguì per la sua strada tenendosi per mano, con le dita intrecciate. Molti infatti sono deliziati quando la coppia mostra affetto in pubblico. 

Meghan e Harry sono molto dolci quando si toccano, si tengono per mano, si sorridono. Sono una coppia perfetta! Tu che ne pensi?

Non dimenticarti di condividere il post con gli amici e di esprimere la tua opinione nei commenti!

LEGGETE ANCHE: Meghan Markle non rispetta il protocollo reale al battesimo del principino Louis

Raccommandiamo