Santarelli racconta il difficile percorso verso la guarigione di Giacomo

Il 30 novembre 2017 Elena Santarelli ha saputo della terribile malattia di suo figlio Giacomo. Lei e suo marito hanno ricevuto la diagnosi che nessun genitore vorrebbe sentire: tumore cerebrale.

In un'intervista rilasciata al Corriere della Sera, la Santarelli parla per la prima volta a un giornale della malattia del figlio e racconta del suo lungo e difficile percorso verso la guarigione. La showgirl è una donna molto coraggiosa e ha ammesso che davanti a suo figlio non ha mai pianto.

Mai, mai, mai. A volte, mi chiedo: com’è possibile? Ma in certi frangenti, la forza arriva. Io non ho mai trattato mio figlio da malato, gli ho sempre detto che, mentre si fanno le chemio, si studia e questo ha creato una normalità nella mia vita e nella sua.

La showgirl ha deciso di parlare della malattia di Giacomo per chiedere aiuto per la ricerca Onlus Heal, che si occupa di neuroncologia pediatrica con l'ospedale Bambin Gesù di Roma, dove si cura Giacomo. L'altro motivo è far sapere a tutti che non è detto che il cancro annienti la vita e per dare speranze alle mamme. 

Ogni caso è diverso, ma mio figlio corre, mangia, ride, ha una vita normale al 60-80 per cento. Vorrei che le mamme avessero speranza.

La diagnosi di cancro

La Santarelli racconta che in quel terribile giorno lei non era presente a causa di un'operazione subita all'anca e accanto a Giacomo c'era soltanto il padre.

La cosa peggiore è che non ero presente alla risonanza. Ero stata operata all’anca e avevo stampelle e dolori, è andato solo Bernardo, ma non avevamo sospetti. Quando mio marito è tornato a casa, gliel’ho letto in faccia. Sono andata in bagno e ho vomitato. Poi, mi sono messa a piangere in silenzio, per non farmi sentire da mio figlio.

La prima sera all'ospedale

Questo è uno dei momenti che la mamma non dimenticherà mai. La donna ha confessato che non poteva non pensare alla morte, tuttavia questa paura era soltanto nella sua testa.

La prima sera in reparto è stata la più dura. Non volevo che Giacomo vedesse i bambini intubati, non potevamo dirgli subito: ora fai la chemio, perdi i capelli, combatti le cellule. Ci siamo arrivati piano piano con l’aiuto, fondamentale, degli psicologi.

Gli attacchi sul web

Alla showgirl sono state indirizzate moltissime cattiverie. Dopo aver confessato il suo dramma la donna è comparsa in tv, nel programma Stasera tutto è possibile. Su di lei sono piovute numerose critiche e accuse di essere una cattiva madre perché era in televisione, nonostante il figlio malato.

Avrei voluto urlare contro tutte quelle cattiverie, ma sono tante di più le persone che mi esprimono affetto.

Con quest'intervista la donna ha voluto anche smentire tutte le voci che giravano sulla malattia di suo figlio.

Elena Santarelli / Instagram

Cosa attende adesso la loro famiglia?

Aspettiamo di sentirci dire che siamo a fine terapia. Non sarà presto. Il percorso è lungo, confidiamo di essere nell’80 per cento che si salva.

Elena Santarelli / Instagram

Durante l'intervista la showgirl non è riuscita a trattenere le sue lacrime e ha condiviso il momento più brutto della malattia di suo figlio.

Il momento più brutto è stato quando, di notte, con la torcia, andavo a raccogliere i capelli di Giacomo dal cuscino, per non farglieli trovare al mattino. Quei momenti erano una pugnalata. Metti al mondo un figlio e vuoi proteggerlo, ma non sai che puoi sentirti così tanto impotente.

Vai avanti, Elena. Forza Giacomo. Non manca molto per raggiungere il traguardo!

Non dimenticarti di condividere la notizia con gli amici su Facebook!

LEGGETE ANCHE: Le storie che ci colpiscono direttamente al cuore: la battaglia difficilissima del figlio di Elena Santarelli!