Gabriele è il senzatetto italiano più famoso sul web! È uno spirito libero che si gode appieno la sua libertà

La vita non è facile per nessuno di noi, è come un mistero imprevedibile e non ci sono mai delle certezze. Un giorno puoi avere un lavoro, una famiglia, soldi e vivere serenamente e il giorno dopo tutto può crollare come un castello di carte.

C'è chi vive come un senzatetto per un periodo fino a raggiungere l'obiettivo o il successo tanto atteso, c'è chi invece sceglie questa via per quell'immensa libertà che ti dona.

Gabriele Mei, visti i follower che ha sul web, può essere considerato il senzatetto più famoso d'Italia. L'uomo, 40enne, è di Prato ed ha conquistato il mondo del web grazie ad un canale Youtube e una pagina Facebook.

I follower lo sostengono moltissimo in questa sua iniziativa e lo aiutano con delle donazioni. Sul suo canale Youtube l'uomo racconta la sua vita, il suo passato, le sue gioie, le sue passioni e le sue difficoltà.

Lui usa questi canali web principalmente per esprimersi. L'uomo è diventato un senzatetto nel 2008, ormai già da 10 anni e a condurlo verso questa vita alternativa è il suo disturbo bipolare di personalità.

Gabriele ha ammesso a sua volta che in questa vita lui ha trovato la sua libertà. Gabriele incarna la rappresentazione di uno spirito libero, immune alle varie catene che il sistema impone.

Gabriele riceve una pensione di 300 euro e per un certo periodo ha lavorato come magazziniere. Ma lui vive con poco, e cosa più importante, in sintonia con sé stesso. La sua è una vita priva del peso di un lavoro (spesso non amato) e lui si gode appieno la sua libertà apprezzando il proprio tempo.

La sua storia ci fa capire che a una persone occorra davvero poco per stare bene, e che il consumismo non porta necessariamente alla felicità. Tu che ne pensi?

Non dimenticarti di condividere il post con gli amici e di esprimere la tua opinione nei commenti!

LEGGETE ANCHE: Ha conosciuto un senzatetto su una panchina e si è innamorata subito! Tre settimane dopo lui le ha fatto una telefonata

Raccommandiamo