"Io e Maria De Filippi siamo vivi per miracolo": Maurizio Costanzo si racconta a cuore aperto

Celebrità

November 20, 2018 18:53 By Fabiosa

Maurizio Costanzo, il noto giornalista romano, si è raccontato a cuore aperto in un'intervista rilasciata al Corriere della Sera.

Il marito di Maria De Filippi ha parlato del suo rapporto con la moglie e della sua lunga carriera. Uno dei suoi desideri più grandi, che lui chiama "un grande regalo di carriera", è quello di intervistare Papa Bergoglio.

Il giornalista si è un po' commosso mentre ricordava un giorno particolare della sua vita, ovvero l’attentato di matrice mafiosa successo nel 1993.

In quel terribile giorno loro due sono rimasti vivi per miracolo. Per una casualità o per fortuna inspiegabile, la bomba che avrebbe dovuto far esplodere la macchina del giornalista è esplosa 4 secondi dopo il passaggio della vettura. Tutto in pieno centro della città.

Il giorno più brutto della mia vita? Il 14 maggio 1993, quando la mafia mi dedicò 70 chili di tritolo mentre tornavo a casa in macchina con Maria. Il più bello è stato accorgerci che eravamo vivi.

Uscivo dal Teatro Parioli con quella che poi sarebbe diventata mia moglie, il cane e poi l’autista. La verità è che ci siamo salvati, sia Maria che io che l’autista che il cane.

LEGGETE ANCHE: L'annuncio sui social: Il figlio 27enne di Maria e Costanzo ha trovato l'anima gemella!

All’inizio, subito dopo l’accaduto, Maurizio ha promesso di smettere di occuparsi di mafia ma poi ci è ritornato.

Io faccio il giornalista, avevo molto parlato di mafia al Costanzo Show e la mafia si è difesa. Arrivavano lettere con la mia testa in un vassoio, le mandavo alla Digos.

LEGGETE ANCHE: I segreti svelati di Maurizio Costanzo: Maria fa Il tour della casa e mostra il suo vizietto!

Da quel terribile giorno Maria non è salita più in auto con suo marito mentre Costanzo ha ottenuto la scorta. 

Ora mi seguono due persone, prima erano quattro. Sono diventati dei parenti, per me.

LEGGETE ANCHE: Maurizio Costanzo ha ammesso di dormire in una stanza diversa da quella della moglie Maria, è una crisi?

Nonostante siano passati tutti questi anni, il ricordo di quel terribile giorno gli provoca ancora dolore. Il suo dovere da giornalista, però, è stato più forte della paura!

Non dimenticarti di condividere il post anche con i tuoi amici su Facebook.