"Ho perso mio figlio Carlos": il disperato grido di dolore di Nina Moric mentre ricorda di quando le hanno tolto la custodia del figlio

NOTIZIE SULLE CELEBRITÀ

"Ho perso mio figlio Carlos": il disperato grido di dolore di Nina Moric mentre ricorda di quando le hanno tolto la custodia del figlio

Date July 29, 2019 14:28

Nina Moric ha postato un messaggio strappalacrime su Instagram per parlare del figlioletto Carlos Maria, nato dall'amore con Fabrizio Corona.

Nina si è affidata ai social per esternare tutta la sua rabbia per quello che le è accaduto tempo fa. L'ex moglie di Corona è tornata a parlare del momento più doloroso e difficile della sua vita, ovvero di quando ha perso il suo figlioletto Carlos Maria.

Proprio nei giorni in cui è esploso il terribile caso di Bibbiano, l'ex modella croata ha deciso di mandare un messaggio di solidarietà a quei genitori che hanno vissuto o vivono il suo stesso dramma.

Nina è stata vittima di uno dei drammi peggiori che una donna possa attraversare nella vita e su Instagram ha ricordato le tappe della sua storia personale, che l’hanno portata a perdere l’affidamento di suo figlio.

Ormai è un anno che il mio incubo è finito. Ormai è un anno che Carlos è tornato a vivere con me, la sua mamma. Potrei scrivere un libro per ogni giorno, dei lunghi 4 anni, in cui Carlos era stato affidato ai Servizi Sociali e collocato dalla nonna paterna.

Il post di Nina è un messaggio positivo e di incoraggiamento per tutti i genitori che soffrono per i loro piccoli che sono stati sottratti dalle famiglie da alcuni assistenti sociali senza scrupoli.

Sono sicura che Bibbiano sia la punta di un iceberg, un piccolo pezzo di puzzle di una situazione diffusa in tutta Italia. Combattete sempre per i vostri figli, ci ho messo 4 anni per riaverlo e un anno per farlo tornare a sorridere.

Ormai è un anno che il mio incubo è finito. Ormai è un anno che Carlos è tornato a vivere con me, la sua mamma. Potrei scrivere un libro per ogni giorno, dei lunghi 4 anni, in cui Carlos era stato affidato ai Servizi Sociali e collocato dalla nonna paterna. Ancora oggi i motivi non mi sono del tutto chiari, ma per farvela breve me lo hanno allontanato dopo un litigio con mia madre, lo hanno allontanato perché avrebbero dovuto verificare la mia condizione psico fisica, credevo fosse questione di giorni, così mi sono sottoposta a esami di ogni genere, perizie psichiatriche, droga, alcol, ci hanno impiegato mesi e non ci fosse una sola cosa che non andasse. Eppure dopo questi mesi mi fu comunicato che ormai riportarmi Carlos sarebbe stato un trauma per lui. Ho combattuto per 4 anni, soprattutto perché era evidente che nemmeno Carlos stesse bene e questa assurda decisione stava facendo soffrire lui tanto quanto me. Ho indagato tanto per conto mio, e per quanto tutto portasse ad una storia di conoscenze, legami politici non volevo crederci, dopo un anno leggo quotidianamente la storia di Bibbiano, ho collegato tante cose e sono sicura che Bibbiano sia la punta di un iceberg, un piccolo pezzo di puzzle di una situazione diffusa in tutta Italia. Combattete sempre per i vostri figli, ci ho messo 4 anni per riaverlo e un anno per farlo tornare a sorridere. ♥️#nevergiveup 🙏

Публикация от Nina Moric (@nina__moric)

E tu sei d'accordo con Nina? Bibbiano è davvero la punta dell'iceberg di una condizione diffusa? Lasciaci il tuo commento e condividi il post anche con gli amici!