Cesare Bocci confessa la verità sulla malattia della moglie: ''Mia moglie è più forte della malattia''

NOTIZIE SULLE CELEBRITÀ

Cesare Bocci confessa la verità sulla malattia della moglie: ''Mia moglie è più forte della malattia''

Data 21 settembre 2018

L'insorgenza di una malattia è un incubo che terrorizza tutti e che nessuno vorrebbe dover affrontare, indipendentemente che si tratti della propria salute o quella dei propri cari.

LEGGETE ANCHE: Ecco come trattare le vene varicose con l'aiuto dell'olio d'oliva

Ma quando il destino ci mette alla prova, non possiamo far altro che accettare la sfida per non soccombere. E ci sono delle volte in cui alcune persone trovano la forza di aiutare gli altri nonostante stiano combattendo la stessa drammatica battaglia.

LEGGETE ANCHE: Caso misterioso: una mamma affranta per la scomparsa della figlia riceve una sua lettera a cinque anni di distanza dall'accaduto

È il caso di Cesare Bocci e di sua moglie, Daniela Spada.

 

Un post condiviso da Cesare Bocci (@cesarebocci) in data:

L'attore, reduce dal reduce dal grande successo del programma televisivo “Ballando con le Stelle”, ha reso pubblica la sua triste vicenda familiare che ha visto coinvolta la sua amata compagna di sempre: Daniela.

gettyimages

Daniela ha sofferto di un'embolia post-parto, ma a causa dei ritardi nella diagnosi e delle terapie troppo standardizzate e poco personalizzate, ha seriamente rischiato di perdere definitivamente l'uso delle gambe.

 

Un post condiviso da Cesare Bocci (@cesarebocci) in data:

Finché la coppia non ha deciso di chiedere un secondo parere medico all'estero, dove invece ha trovato una nuova speranza.

 

Un post condiviso da Cesare Bocci (@cesarebocci) in data:

Pian piano, grazie alle cure amorevoli di Cesare e della famiglia e grazie al fatto di aver riconquistato fiducia nel futuro, Daniela è tornata a camminare e a poter prendersi cura della piccola Mia, la loro bellissima bambina.

Cesare e Daniela hanno però deciso che tutti i momenti più bui e disperati di questa estenuante vicenda iniziata un maledettissimo 1°aprile, avrebbero potuto essere d'ispirazione e di conforto per chi si trova a vivere una condizione simile.

Hanno così scritto e pubblicato un libro chiamato proprio “Pesce d'Aprile”, un titolo che volutamente sdrammatizza e alleggerisce quella che poteva essere una tragedia personale e familiare a tutti gli effetti, perchè le difficoltà in questi casi, possono essere tante e impensabili.

La coppia ha dichiarato a Vanity Fair:

Abbiamo capito che la nostra esperienza poteva essere utile [...]E noi non la raccontiamo perché gli altri dicano “poverini”, ma per dimostrare a chi è nelle mie condizioni... Che non finisce mica il mondo

Una storia di coraggio e d'amore che ci dice che le difficoltà della vita possono colpire chiunque, ma l'essenziale è non dimenticare mai che il domani può portarci un po' più di sole e una nuova forza di reagire insieme a chi ci ama. 

Raccontaci le tue esperienze più toccanti nei commenti e condividi con gli amici!