"Ha perso 18 chili!": L'incredibile trasformazione di Alessandro Borghi, parla la fidanzata!

Celebrità

September 6, 2018 13:35 By Fabiosa

È certamente un ottimo periodo questo per l'attore Alessandro Borghi, volto noto soprattutto per il suo ruolo nella serie tv Netflix “Suburra”.

La giovane star, in questi giorni, è ospite alla Mostra del Cinema di Venezia, dove ha presentato la sua ultima fatica (e lo si può dire forte e chiaro!) cinematografica: “Sulla mia pelle”, il film che racconta gli ultimi tragici giorni di Stefano Cucchi, fino all'orribile morte in carcere.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da thesafetyofobjects (@rejectfalseiconz) in data:

Una dura sfida per Alessandro, che ci ha messo tutto sè stesso per poter dare la giusta interpretazione di Cucchi.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Alessandro Borghi (@alessandro.borghi) in data:

E il primo passo di Alessandro per entrare nei panni del giovane Stefano è stato quello di lavorare sul suo aspetto, di modellarlo fin quasi a stravolgerlo. L'attore ha infatti dovuto dimagrire ben 18 chili!

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Alessandro Borghi (@alessandro.borghi) in data:

E a proposito dei duri mesi di preparazione per le riprese, parla la persona che è stata più accanto all'attore in quei giorni di duro lavoro e concentrazione, la sua fidanzata Roberta.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Alessandro Borghi (@alessandro.borghi) in data:

Come riporta l'Huffingtonpost, Roberta ha raccontato:

Ha perso 18 chili, che sono moltissimi su un fisico longilineo come il suo, e la dieta gli precludeva ogni vita sociale.

Non dev'essere stato facile la convivenza con una persona così assorta in una storia tragica come quella di Stefano, e infatti Roberta continua: 

Quando tornava a casa, gli chiedevo come fosse andata ma rispondeva a monosillabi, di rado mangiava e alle 20 andava a dormire, per non sentire la fame. Sono stati mesi dedicati solo al progetto. In assoluto, il periodo di lavoro più drastico: dormiva a casa ma era un eremita.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Alessandro Borghi (@alessandro.borghi) in data:

Ma anche Alessandro ha voglia di raccontare il i dettagli di questa difficile sfida che ha vinto con successo, un progetto in cui ha messo tanto cuore, ma anche tanta testa e impegno critico: 

È stato lungo e abbastanza duro ma solo adesso mi rendo conto di quello che è accaduto, perché ero talmente determinato...

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Alessandro Borghi (@alessandro.borghi) in data:

Quindi Roberta ha proprio ragione a definirlo eremita! Ma perdere tutti questi chili non è rischioso per la salute? Alessandro risponde così:

Basta farsi seguire da un professionista, nel mio caso la mia nutrizionista, ed essere costanti.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Alessandro Borghi (@alessandro.borghi) in data:

Ma Alessandro si è innamorato del progetto anche per altre ragioni: 

La cosa che mi ha sconvolto di più, oltre all'aver perso diciotto chili per calarmi nella parte, è stata l'assenza della magistratura, il far finta di non capire, la voglia di Stefano di non dire la verità e di non denunciare nulla.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Alessandro Borghi (@alessandro.borghi) in data:

LEGGETE ANCHE: "È un Orso": Elisa Isoardi rivela un piccolo particolare sulla relazione con Matteo Salvini!

e continua:

È un grande messaggio per questo paese, per farci capire che dobbiamo sempre di più abbandonare l'idea di giudizio, e dobbiamo essere aperti a metterci nei panni delle altre persone.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Io e Ilaria Cucchi. Fine proiezione. In questa foto c'è tutto. E spero che in questo "tutto", ognuno di voi riesca a trovare le emozioni che più gli arrivano al cuore. C'è la famiglia, l'amore, il rispetto, il rigore, la dignità. C'è la commozione per essere riusciti, di nuovo, ad usare il cinema per raccontare una storia. La storia di Stefano. Venezia ogni anno mi leva il fiato. Anche solo passeggiare per strada mi fa sentire ad un metro da terra e invaso, inondato dai ricordi. Allora, come sempre, GRAZIE. Agli strilli sul red carpet. Al vostro affetto. Ai miei meravigliosi compagni di viaggio, ad Alessio Cremonini, a Olivia Musini, a Jasmine, a @luckyred, a @netflixit. Grazie a @gucci e @woolcan_news, con me da sempre e spero per tanto altro tempo ancora. A Roberta. Alla mia famiglia, sempre accanto a me. Alle testate giornalistiche che hanno sentito il bisogno di raccontarci, di parlare di noi, mentre a Venezia accadevano un sacco di altre cose. ••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••• SULLA MIA PELLE esce il 12 Settembre nei cinema e su Netflix. Come promesso verrò io, finchè mi sarà possibile, in giro per l'Italia a convincervi che questo è un film che DEVE essere visto in sala, per ascoltare i respiri del nostro vicino di posto, e poi altre 1000 volte su Netlix, qui e in tutto il mondo. Il cinema è una cosa meravigliosa. Vi prego, facciamogli vedere che è ancora così. Alla famiglia Cucchi. A Stefano. Con tutto il mio cuore.

Un post condiviso da Alessandro Borghi (@alessandro.borghi) in data:

LEGGETE ANCHE: La donna che una volta salvò l'America e i capelli di un milione di donne, cacciata da Hollywood e morta per epatite in povertà

Insomma, l'empatia per Stefano e la sua drammatica vicenda è stata coinvolgente e totale,

LEGGETE ANCHE: "Basta paragoni. La mia conduzione sarà diversa dalla sua”: Bianca Guaccero torna a parlare di Caterina Balivo

Mentre giravamo e ripetevo le battute ho pensato spesso al fatto che Cucchi non abbia parlato perché era convinto di farlo una volta fuori dal carcere, ma più volte volevo strillare "aiuto.”

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Alessandro Borghi (@alessandro.borghi) in data:

Complimenti Alessandro, non vediamo l'ora di andare al cinema a goderci questa interpretazione degna di Hollywood!

Cosa ne pensi di questa incredibile trasformazione? Faccelo sapere nei commenti e condividi con gli amici!