Simona Ventura tra camionisti e tovaglie da stirare: la sua vita prima della grande fama!

Avere delle aspirazioni alte e ambiziose non dovrebbe mai essere un ostacolo a fare esperienze diverse dall'obbiettivo che ci si prefigge, altrimenti si rischia di non costruire una strada abbastanza solida nel nostro percorso.

Simona Ventura oggi è una donna famosissima e di grande successo, con un'invidiabile carriera televisiva e migliaia di ammiratori e fan.

Ma non è sempre stato così!

Supersimo, negli anni della sua giovinezza, studia alla scuola professionale alberghiera di Savona.

Dopo cinque anni consegue il diploma e non contenta si iscrive all'ISEF di Torino, l'Istituto Superiore di Educazione Fisica, grazie al quale sarebbe potuta diventare insegnante nella scuola pubblica.

LEGGETE ANCHE: I lavori che farebbero le celebrità preferite se non fossero famose

Ma noi sappiamo bene che l'energia di Supersimo è impareggiabile ed è così che intraprende anche un inizio di carriera sportiva, partecipando a numerose gare di sci.

LEGGETE ANCHE: Paolo non apprezzava il lavoro delle casalinghe finché non ha dovuto mettersi nei loro panni

La voglia di indipendenza, però, la sprona a cercare un lavoro, e finisce nel ramo amministrativo di un'azienda di autotrasporti. Chissà come sarà stata avventurosa la vita, circondata da camionisti!

In seguito, dopo tutte queste esperienze, verrà assunta anche in un Tennis Club, come insegnante?

Ebbene no, Simona in quel tennis club si occupava di mansioni molto più umili: stirava le tovaglie!

Poi, le prime partecipazioni in trasmissioni tv come concorrente e l'iscrizione alla gara di bellezza nazionale “Miss Italia”.

A piccoli passi ma determinati, Simona ha scalato l'Everest della fama ed ora è una donna felice e realizzata, anche grazie a quelle benedette tovaglie del Tennis Club!

LEGGETE ANCHE: Simona Ventura: ecco cosa ne pensa della giovane fidanzata dell'ex marito Stefano Bettarini!

E tu hai mai svolto lavori umili che sono stati fondamentali per il tuo cammino? Raccontacelo nei commenti e condividi questa storia con gli amici!

Raccommandiamo