Milena Gabanelli ed il suo rapporto con Rai. Non è stato perfetto e non ci torna mai

Un nuovo pezzo della vita di Milena Gabanelli ritrae la famosa giornalista fuori dalla Rai, e anche se la società radiotelevisiva italiana è ritenuta sua casa, è stata lei a scegliere di abbandonarla.

Il nuovo progetto di Milena a che vedere, come al solito, con l’informazione di qualità, una buona discussione e, in questo nuovo periodo,  i mezzi di comunicazioni dei più giovani.

Dataroom è stato annunciato all’inizio dell’anno tramite Facebook, spazio dove la giornalista ha portato la sua esperienza professionale per creare e contribuire con le notizie e persino sfidare gli utenti ad imparare ad interagire in uno scenario piuttosto controverso.

Ci sono due giornalisti e due grafici partecipando a questo progetto, ma quelli che lavorano al Corriere della Sera (dove la Gabanelli scrive 2 pezzi alla settimana) interagiscono con il team. Così l’ha raccontato Milena in un’intervista a La Verità.

Nel programma vengono discussi argomenti controversi e la gente è sempre pronta a commentare, anche se alcuni non riescono ancora ad avere un dialogo senza offendere.

Qualche tempo fa la Milena aveva proposto di creare il sito web Rai.it per offrire i servizio pubblico riguardo le notizie, progetto rifiutato, però, dal Consiglio dell’amministrazione:

E quando nel giugno 2017 arrivò Orfeo ha preferito non porre più la questione. Alla fine non hanno fatto né la riforma né il sito di news online. Credo sia l’unica tv al mondo a non averlo.

Oltre all’argomento della “modernizzazione”, la giornalista ha affermato che la Rai viene controllata dalla politica, uno dei motivi per cui lei se n’è andata. Un argomento che ha provocato controversia sulle reti.

Alla domanda di come allontanare la società radiotelevisiva dalla politica, la Gabanelli risponde senza esitare che bisognerebbe cambiare la legge:

Magari ispirandosi al modello inglese del trust per la scelta della governance. Se ci si affida alla volontà dei partiti che hanno vinto  le elezione quanto è difficile che i soliti sistemi cambino?...

E seguendo il filo alle sue parole, vorremmo sottolineare l’argomento delle Fake News, con cui la Milena lotta oggi dal suo nuovo spazio.

Secondo la giornalista, l’educazione svolge un ruolo fondamentale in questo compito. Infatti, si tratta di un elemento che potrebbe cambiare le sorti delle generazione future:

Formazione nelle scuole, a partire dalle elementari. Bisogna insegnare a ragazzi e ragazze i processi di verifica prima di credere ad una notizia e condividerla.

Una conclusione che provoca, naturalmente, centinaia di opinioni diverse.

Che ne pensate voi? Non dimenticatevi di lasciare i vostri commenti e condividere il post!

LEGGETE ANCHE: Giornalista passa sei mesi senza cellulare e rivela la lezione che ha imparato

Raccommandiamo