Loredana Bertè, rivelazione su Mia Martini: “Mi chiamò prima di morire”

Celebrità

February 8, 2019 14:21 By Fabiosa

Loredana Bertè è sempre stata uno dei personaggi più forti, particolari e, a suo modo, affascinanti del mondo della musica e dello spettacolo in generale. Ha fatto della filosofia punk un vero e proprio stile di vita, scegliendo di essere sempre se stessa, vivendo sempre al massimo.

LEGGETE ANCHE: Olivia Berté attacca la sorella Loredana difendendo il padre: "Basta con questa spazzatura!"

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Loredana (@loredanaberteofficial) on

E’ fiera di questo. Rivivrebbe la sua vita allo stesso modo, ma, confidandosi in un'intervista, Loredana ha rivelato di avere anche lei due rimpianti. Uno relativo al suo matrimonio con il campione del tennis Björn Borg, che si rivelò deludente e dichiara che “non ne è valsa la pena”.

LEGGETE ANCHE: "Una parte di me è morta quel giorno!": Loredana Berté scoppia in lacrime e si confessa a cuore aperto

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Loredana (@loredanaberteofficial) on

L’altro rimpianto, molto più grosso e di cui la Bertè fatica a liberarsi, è relativo alla sua relazione con la sorella, Mia Martini, e al suo suicidio. Una relazione non semplicissima, vista le evidenti differenze di stile e di mentalità delle due sorelle.

LEGGETE ANCHE: "Mi sono curata da sola, non avevo i soldi!": Loredana Bertè confessa il suo grande dramma

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Loredana (@loredanaberteofficial) on

Loredana che vive al massimo la sua vita, in viaggio, lontana. Mia che comincia a trovarsi sempre più isolata, a causa delle malelingue che la definiscono una iettatrice. Una che porta male.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Loredana (@loredanaberteofficial) on

Mia fatica a sopportare le malelingue, che le tolgono anche il lavoro, e l’isolamento che ne consegue da amici e purtroppo anche dai parenti. Tanto che regala a Loredana un cellulare, per tenersi in contatto e sentirsi più spesso.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Loredana (@loredanaberteofficial) on

Ma Loredana al tempo non capisce la situazione drammatica della sorella. E’ una ribelle. E i ribelli (stiamo parlando degli anni ‘90) non usano il cellulare. Loredana lo butta via, “senza un perchè”, come lei stessa confessa nell’intervista.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Loredana (@loredanaberteofficial) on

Un gesto banale, fatto senza pensarci, appunto, ma fonte di un dubbio che nel tempo è diventato un fardello pesante da portare. Mia Martini alla fine non ce la fa più e si suicida. Loredana capisce nel tempo che la sorella avrebbe avuto bisogno di lei e che probabilmente l’aveva anche cercata, inutilmente, proprio su quel cellulare e poi anche a casa.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Loredana (@loredanaberteofficial) on

“Tempo dopo, il telefono di casa iniziò a squillare ma non risposi. Quella sera morì Mimì e io rimarrò sempre con il dubbio di aver perso la telefonata della vita”. Effettivamente l’idea di perdere l’ultima telefonata di una persona, che poi successivamente si toglie la vita è una situazione in cui nessuno vorrebbe trovarsi.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Loredana (@loredanaberteofficial) on

Cosa avrebbe voluto dire Mia a Loredana? Loredana avrebbe potuto parlare con lei e fare la differenza? Convincerla a non compiere il folle gesto?