Sanremo contro gli stranieri? Le accuse di Pio e Amedeo sull

Sanremo contro gli stranieri? Le accuse di Pio e Amedeo sulla gestione del Festival

Celebrità

February 11, 2019 17:09 By Fabiosa

Grande ovazione al momento dell’entrata di Pio e Amedeo sul palco dell’Ariston. I due comici hanno intrattenuto Claudio Baglioni, il pubblico presente in sala e quello che seguiva il Festival di Sanremo da casa, con una serie di battute irriverenti e gag dal ritmo coinvolgente.

LEGGETE ANCHE: "Panciera?" L'ex moglie di Baglioni ribatte alle offese di Pio e Amedeo con una foto bollente!

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Emigratis d'arezzo🇮🇹 (@emigratisdarezzo) on

Alcune delle battute fatte dal duo, davvero memorabili, hanno coinvolto il cantautore e direttore di Sanremo 2019, e hanno fatto ridere moltissimo il pubblico:

I tempi sono cambiati, la ragazza con la maglietta fine ora c’ha la pancera. Gli immigrati a milano un tempo eravamo noi meridionali, le cose sono cambiate, Baglioni ti devi aggiornare.

LEGGETE ANCHE: Paola Cortellesi pianta in asso Baglioni e rifiuta il suo invito a Sanremo 2019

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Emigratis-Le Iene-Vip-Calcio (@pio.e_amedeo_fp) on

I due comici nel loro sketch non dimenticano la politica e portano in ballo il Festival e le polemiche che lo hanno sfiorato prima del lancio. Sanremo, dichiara Baglioni ai due comici, parla di musica tradizionale e innovativa creata ed esportata all’estero dai nostri connazionali.

LEGGETE ANCHE: Selvaggia Lucarelli e la dedica a Marco Mengoni durante il Festival di Sanremo

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Haba Baba (@haba_baba999) on

Pio e Amedeo prendono la palla al balzo e costringono Baglioni ad ammettere che il festival canoro nazionale prevede una partecipazione di artisti ‘unicamente’ italiani e quindi gli fan ripetere lo slogan tipico del Ministro degli Interni: Prima gli italiani.

LEGGETE ANCHE: "È fuori di testa!": Valeria Marini portata via dai Carabinieri dal Festival di Sanremo!

Una presa in giro che dura poco e si chiude, in realtà, proprio con un omaggio a Baglioni, ispirandosi alla parole della celebre canzone Uomini Persi:

Che poi se alla fine se ci soffermassimo a pensare, questo modo di dire, che saremmo tutti uguali, è in realtà di una banalità incredibile. Quando eravamo piccoli aveva un senso perché una cosa, un gioco, era più bello se lo si faceva tutti assieme. Crescendo, poi, avvertiamo tutti questa strana esigenza di schierarci e fare le cose solamente con chi la pensa come noi.

Vogliamo fare un augurio importante. Vogliamo augurare il meglio a chi occupa posizioni di rilievo e prende decisioni importanti. Perchè invece di dividerci in fazioni e tifare come fossimo degli ultras, dovremmo fare il tifo affinché si calmino le acque.