Le lacrime di Mick Schumacher per il dramma del padre Michael, indimenticato pilota Ferrari

Celebrità

February 22, 2019 17:51 By Fabiosa

Dopo il drammatico incidente avuto a Meribel, in Francia nel dicembre 2013, Michael Schumacher vive da cinque anni chiuso nella sua casa a seguito del rilascio dall'ospedale dove è rimasto in coma diversi mesi. 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Mick Schumacher (@mickschumacher) on

L'amato campione della Ferrari è ormai lontano dai circuiti delle corse automobilistiche ma non ci ha lasciato solamente i 7 titoli vinti con la scuderia italiana, ha lasciato ai suoi fan anche una eredità dalle grandi speranze. Mick Schumacher è infatti il figlio dell'indimenticato Michael Schumacher e come è facile immaginare Mick dal padre ha ereditato la grande passione per le corse e i motori e, sembrerebbe, anche il talento.

LEGGETE ANCHE: Bild: Mentre il marito è in difficoltà: secondo quanto riferito, la moglie di Michael Schumacher ha comprato una casa da 35 milioni di dollari a Maiorca

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Mick Schumacher (@mickschumacher) on

Il giovane ha recentemente rilasciato una intervista alla Federazione Internazionale Automobilistica in cui ha parlato anche del suo rapporto col padre, raccontando come sia difficile essere figlio di uno dei piloti più grandi di sempre.

Ammiro mio padre per tutti i successi che ha raggiunto.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Mick Schumacher (@mickschumacher) on

LEGGETE ANCHE: Michael Schumacher, finalmente la grande notizia: Il commuovente post di ringraziamento ai fan!

Mick Schumacher ha infatti deciso che vuole fare il pilota, sperando di arrivare un giorno anche in Formula Uno. Commosso e in lacrime, il giovane racconta dell’amore per il padre e della sua adorazione nei suoi confronti quando Michael lo portava da piccolo nel circuito go-kart, una passione che è stata bella condividere col padre che venera. 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Mick Schumacher (@mickschumacher) on

Mick ricorda perfettamente il giorno in cui il padre gli chiese se per lui correre fosse solamente un gioco o se avrebbe voluto correre come professionista. Lui non ha avuto dubbi e rispose che quella sarebbe stata la sua carriera.

Non ricordo di avere mai desiderato fare altro.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Mick Schumacher (@mickschumacher) on

LEGGETE ANCHE: "Non finì in coma dopo aver sbattuto la testa contro un sasso": Schumacher e l'indiscrezione di Dagospia

Già campione europeo di Formula 3, Mick Schumacher è stato appena promosso alla Formula 2. Recentemente il giovane è stato selezionato dai talent scout dell’accademia dei giovani piloti Ferrari. Una grande speranza per la scuderia del cavallino. 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Mick Schumacher (@mickschumacher) on

Avete la passione per i motori o la Formula Uno? Raccontateci come coltivate la vostra passione nello spazio dedicato ai commenti.