"È uno schifo!": Nadia presa di mira anche dopo morta con post offensivi. La denunci

DIVERTIMENTO

"È uno schifo!": Nadia presa di mira anche dopo morta con post offensivi. La denuncia di Taffo fa rivoltare il web

Date August 14, 2019 19:07

Se credevate (come sarebbe stato giusto e doveroso) che il cattivo gusto e l'insensibilità fossero stati placati dall'evento drammatico della morte di Nadia Toffa, vi sbagliavate.

Proprio ieri a poche ore dall'annuncio della sua fine, sui social è andata in scena la sciarada dei simpaticoni che giocano a fare gli acuti tessitori di satira. Solo che questa volta, hanno incontrato ossi duri da rosicchiare.

Eh si perché almeno uno dei responsabili dei post e dei “meme” più fastidiosi sulla povera Nadia ha allungato le grinfie un po' troppo andando a disturbare chi di comunicazione e ironia nera se ne intende davvero: la Taffo Funeral Services, l'agenzia di pompe funebri più amata dello Stivale, balzata agli onori della cronaca per le sue pubblicità ironiche e allo stesso tempo delicate.

Ed è stata proprio la Taffo a denunciare l'abuso fatto su Nadia e sul nome dell'azienda, con questo post breve e diretto, che prende nettamente le distanze dallo scandalo:

Ora il “grafico” responsabile dei post della vergogna ha fatto sparire il suo profilo dai social, visto che perfino i suoi colleghi lo hanno biasimato e criticato duramente in pubblica piazza per il passo falso.

Migliaia i commenti indignati degli utenti che hanno rivoltato i social dopo questi episodi. Tu avevi visto questi post? Lasciaci il tuo commento in proposito e condividi la notizia con gli amici!