Monica Leoffredi parla della dolorosa gravidanza

DIVERTIMENTO

Mamma a 54 anni, Monica Leoffredi e il dramma della gravidanza: "Un percorso tanto difficile, un lutto". Il dolore del 2015

Data 20 dicembre 2019

Diventare mamma è l’emozione più grande che una donna possa provare. E così lo è stato anche per Monica Leofreddi, l'amatissima conduttrice Rai.

Monica, diventata mamma a 54 anni, in un'intervista rilasciata al settimanale Visto, 4 anni fa, ha parlato della sua difficile gravidanza rivelando dettagli dolorosi della sua vita privata.

In passato Monica non era propensa alla fecondazione assistita, ma per rincorrere il sogno di avere figli ha dovuto cambiare idea e farne uso.

Quando ero in attesa di Riccardo, il mio primogenito, avevo 44 anni e mi consideravo uno yogurt scaduto. Due anni dopo, quando ne avevo 46 e rimasi incinta di Beatrice, pensai invece che mi ero rivitalizzata. Non ho mai fatto mistero di essere ricorsa alla fecondazione assistita.

La sua esperienza con la fecondazione assistita non è stata per nulla facile, tra sconfitte e tanto dolore, ma per fortuna al suo fianco c'era il compagno Gianluca Delli Ficorelli:

Devo dire che il lungo viaggio verso la nascita dei nostri figli è stato un percorso tanto difficile quanto coinvolgente per tutti e due. Abbiamo affrontato tante sconfitte. Ogni volta che le cose andavano male per noi era come vivere un lutto, più che un dolore.

Abbiamo sempre ricominciato dall'inizio, chiedendoci: 'Vogliamo riprovarci ancora?'. Poiché il problema era mio, sono stata molto fortunata ad avere Gianluca vicino a me, mi ha sostenuto in un momento davvero difficile della mia vita.

Dopo la gravidanza, però, Monica ha dovuto affrontare un altro dramma, la scoperta della grave malattia: il tumore.

Era un melanoma, mi è passata tutta la vita davanti. Accompagnando mio marito a fare la mappatura dei nei, la dottoressa mi ha detto che avrei dovuto togliere un neo piccolissimo sotto l'addome. Sono stata fortunata.

Nonostante i momenti difficili ora Monica è felice accanto al suo compagno e ai suoi due figlioletti. Cosa ne pensi del suo dramma? Lo conoscevi? Lasciaci il tuo commento e condividi il post anche con gli amici.