Il figlio di 5 anni non vuole andare a scuola: la mamma gli fa raccogliere la spazzatura

I bambini ce ne fanno passare davvero tante! Essere genitori è senza dubbio un'esperienza emozionante che cambia la vita, caratterizzata da momenti piacevoli e altri difficili. Certo, i bambini possono essere cocciuti a volte e la capacità dei loro genitori di farli ragionare senza una punizione distruttiva (come sgridarli o umiliarli) è davvero da elogiare.

Questa è la storia di un bambino di cinque anni in età prescolare che si è rifiutato di andare a scuola e di come la madre ha gestito la situazione in un modo assolutamente fantastico.

LEGGETE ANCHE: "Sei stata adottata o cosa?": Insegnante umilia una bambina per un piccolo buco nel suo maglione

A causa del rifiuto del figlio di andare a scuola, Nuttanitcha Chotsirimeteekul e suo marito hanno deciso di "punirlo", ma in un modo totalmente utile: insegnandogli alcune preziose lezioni di vita.

I genitori hanno dato al figlio un'opzione: o la scuola o un lavoro. E lui ha scelto di lavorare, quindi si sono tutti e tre rimboccati le maniche e si sono dati da fare.

Il trio ha fatto il giro delle strade di Bangkok, in Tailandia, raccogliendo bottiglie. Dopo circa 2,2 chilometri a piedi hanno raccolto due chilogrammi di bottiglie e ne hanno venduto ciascuno per 2 baht (5 centesimi di euro).

LEGGETE ANCHE: Un giudice amante degli animali condanna chi abusa di loro con punizioni particolari ed esemplari

Il piccolo di cinque anni, esausto, ha chiesto ai genitori di prendere un autobus per tornare a casa. È interessante notare che la sua richiesta è finita in rifiuto solo con una domanda di sua madre: gli ha chiesto se aveva abbastanza soldi per pagare la tariffa del bus di 10 baht (0,27€).

Sfortunatamente, non c'erano abbastanza soldi. La mamma gli disse quindi che avrebbero dovuto continuare a cercare bottiglie per guadagnare più denaro.

Tuttavia, il suo suggerimento è stato accolto con la protesta del figlio e la richiesta di tornare a casa.

LEGGETE ANCHE: Sette cose che i genitori dovrebbero insegnare ai propri figli prima che compiano tredici anni

Un po' di tempo dopo, il bambino ha chiesto del gelato e ancora una volta sua madre gli ha domandato se avesse i 5 baht (13 centesimi) necessari per un cono. Quindi, per la seconda volta, il piccolo si è sentito scoraggiato.

La storia di Nuttanitcha, che è diventata virale su Facebook ottenendo 70.000 "Mi piace" e 60.000 condivisioni, era finalizzata a impartire al bambino alcune importanti lezioni di vita.

Ha spiegato che, con la loro azione, il figlio avrebbe compreso meglio il significato del duro lavoro. Inoltre questo gli ha fatto anche capire che i suoi genitori saranno sempre con lui, qualunque percorso intraprenda e in ogni situazione.

Sorprendentemente, l'approccio dei genitori per convincere il figlio ad andare a scuola ha funzionato! L'adorabile bambino, in un altro video pubblicato da sua madre, ha esplicitamente espresso che la prossima volta che gli verrà chiesto di scegliere tra scuola e lavoro, sceglierà di andare a scuola!

Con la loro brillante idea, Nuttanitcha e suo marito hanno dimostrato che per essere degli ottimi genitori bisogna essere i primi a dare il buon esempio. Condividete questo metodo di "punizione"? Voi come fate capire le cose ai vostri figli senza sgridarli? Fateci conoscere i vostri metodi nei commenti.