Ecco come dobbiamo comportarci di fronte a una persona che sta annegando

In una giornata estiva la piscina o la spiaggia offrono un'ottima soluzione e la possibilità di fare attività rilassanti. Tuttavia, se ti capita di vedere qualcuno annegare, la tua giornata può trasformarsi in un'esperienza spaventosa. La cosa più importante è che non devi trasformarti a tua volta in una vittima! Non mettere mai a rischio la tua sicurezza. 

Embed from Getty Images

Innanzitutto chiama aiuto anche se sei esperto o allenato; avere qualcuno che ti aiuti è sempre un'ottima idea. Chiama immediatamente i servizi di emergenza, soprattutto se la vittima galleggia a faccia in giù.

Se riesci a far uscire la vittima dall'acqua devi agire rapidamente per aiutare a portare ossigeno al cervello e agli organi. Il più grande assassino in caso di annegamento è la mancanza di ossigeno, quindi questa sarà la questione cruciale da affrontare. Se la vittima è cosciente avvolgila in una coperta e aspetta i soccorsi.

Sikana English / YouTube

Tecniche di soccorso

1. Prova a svegliare la vittima - cerca di scuoterla o pizzicare il lobo dell'orecchio per vedere se mostra alcun segno di coscienza. In caso contrario passa subito ai seguenti passi.

2. Stendi la vittima sulla schiena e inclina il mento e la testa all'indietro per liberare le vie respiratorie.

Sikana English / YouTube

Questo potrebbe essere sufficiente per far iniziare la persona a respirare. Controlla se respira avvicinando la guancia alla bocca. Guarda il petto mentre fai questo per vedere se si alza e si abbassa. Se non c'è alcun segno di respiro, allora passa subito ai seguenti passi.

Sikana English / YouTube

3. Fai la respirazione bocca a bocca 5 volte

  • Stringi il naso della vittima con le dita e tieni la sua testa inclinata all'indietro
  • Appoggia la tua bocca su quella della vittima
  • Espira a fondo
  • Stacca la bocca da quella della vittima e ispira nuovamente per ripetere la respirazione artificiale 5 volte.

Embed from Getty Images

4. Rianimazione cardiopolmonare

Fai 30 compressioni toraciche alternate a due ventilazioni (respirazione bocca a bocca). 

  • Posizionare le mani al centro del torace della vittima e, con il palmo della propria mano, applicare una pressione verso il basso (5-6 cm). 
  • Ad ogni compressione segue un completo rilasciamento del torace.
  • Completa una serie di 30 compressioni al ritmo di almeno 100 al minuto. 
  • Non applicare pressione sulle costole.
  • Se la vittima è un neonato, applica la pressione sullo sterno con due dita. Premi verso il basso (3,5 cm).

Embed from Getty Images

5. Posizione laterale di sicurezza

Se la vittima riprende a respirare stendila nella posizione laterale di sicurezza per garantire una respirazione migliore.

  • Stendi le gambe della vittima e metti il braccio destro ad angolo retto perpendicolare rispetto al corpo e alla gamba destra.

Massimo Defilippo / YouTube

  • Appoggia il braccio sinistro sul torace della vittima e la mano sulla guancia destra con la palma rivolta verso l’esterno in modo tale da diventare un appoggio al suolo durante la rotazione.

Massimo Defilippo / YouTube

  • Piega ed alza la gamba sinistra. A questo punto poggia la vittima su un fianco.

Massimo Defilippo / YouTube

Copri la vittima con una coperta e continua a controllare la respirazione, le pulsazioni e il livello di risposta fino a quando non arrivano i soccorsi.

Questi sono consigli di primo soccorso che ognuno dovrebbe conoscere e che hanno salvato e di sicuro salveranno molte vite.

Non dimenticarti di condividere il post con gli amici per diffondere questi importantissimi consigli!

LEGGETE ANCHE: 15 errori di primo soccorso che possono fare più male che bene

Fonte: BBC, SJA

Raccommandiamo