Muore a 15 anni dopo aver mangiato un panino in aereo: la ragazza ha avuto una grave reazione allergica

Natasha Ednan-Laperouse era una giovane di appena 15 anni quando, dopo aver mangiato un panino in aereo, si sentì male e morì per una reazione allergica.

Come riporta il Corriere della Sera, il tutto è successo 2 anni fa. Su un volo British Airways da Londra a Nizza, la figlia dell'imprenditore milionario Nadim Ednan-Laperouse ha avuto fame e ha deciso di fare uno spuntino con il panino comprato da Pret a Manger, catena di fast food presente nell'aeroporto di Heathrow. 

Il panino, però, conteneva del sesamo, a cui Natasha era allergica. La giovane controllava sempre gli ingredienti per verificare la presenza di allergeni.

Ma pare che sulla confezione non fosse indicata la presenza del sesamo, uno dei 14 allergeni che devono essere elencati sui prodotti preconfezionati in base alle normative dell'UE.

Si ritiene che lo choc anafilattico sia stato provocato da semi di sesamo cotti all'interno del pane. Quando la giovane ha capito che c'era qualcosa che non andava, il padre ha preso subito il kit di soccorso per somministrarle l'epinefrina, ma, purtroppo, non c’è stato nulla da fare.

Natasha è stata colpita da arresto cardiaco ed è morta nell'ospedale di Nizza. Questo caso è molto simile a quello della piccola Amanda, allergica alle arachidi, morta dopo aver mangiato una barretta di cereali.

Dopo questa tragedia, Pret a Manger si è scusato assicurando che d'ora in poi tutti gli ingredienti saranno noti sulle etichette.

Voglio ribadire quanto siamo profondamente dispiaciuti per la perdita di Natasha. Ho detto che impareremo da questa tragedia e garantiremo cambiamenti significativi. Spero che queste misure ci consentano di proteggere e informare le persone il più possibile.

La famiglia della giovane è devastata dal dolore e spera di avere una risposta definitiva sulla tragedia.

Stiamo ancora cercando di adattarci alla vita senza la nostra amata figlia. È una battaglia quotidiana e il dolore è indescrivibile, tutto ciò che diciamo e facciamo ci ricorda la sua assenza, la camera da letto vuota, l'uniforme scolastica appesa nel guardaroba, la borsa per le vacanze a Nizza che non è mai stata disfatta. È davvero dura da sopportare.

Una tragedia davvero terribile da sopportare per questa famiglia. Riposa in pace, Natasha.

LEGGETE ANCHE: Chiara Ribechini: 24enne morta per allergia alimentare dopo aver cenato in un ristorante