La coraggiosa madre (49 anni) ha iniziato nuovamente frequentare la Scuola per aiutare suo figlio!

Notizie

April 26, 2018 16:30 By Fabiosa

Senza ombra di dubbio, studiare fa sempre bene! A volte succede che le persone (che “sono già cresciute”) tornano all’Università per migliorare le loro conoscenze, per approfondire le loro sapienze o per perfezionare le loro competenze.

Tuttavia, la storia di Biagina Grippo è un po’ diversa. Nonostante che Biagina abbia 49 anni, la giornalista di Santa Maria (provincia di Salerno) ha deciso di tornare… alla scuola.

Biagina Grippo / Facebook

È stata una decisione molto coraggiosa, perché in tal modo Biagina cerca di aiutare suo figlio di 14 anni. Francesco soffre della sindrome di Asperger (una forma di autismo caratterizzata da disturbo pervasivo dello sviluppo). Purtroppo, questa malattia potrebbe causare qualche difficoltà per quanto riguarda interazione e comunicazione sociale.

Come se non bastasse, un anno fa la coraggiosa Biagina si è iscritta all’Università. Attualmente sta seguendo il corso di Scienze dell’educazione e della formazione. Biagina frequenta sia i corsi universitari che le lezioni scolastiche per aiutare suo figlio!

Biagina Grippo / Facebook

Biagina ha condiviso la sua esperienza con il pubblico:

Ho scoperto che mio figlio soffriva di questa sindrome solo quando aveva 11 anni. L’ho scoperto casualmente, a seguito di un attacco epilettico. Il pediatra e i medici che lo tenevano in cura non si sono mai accorti di nulla. In un Paese all’avanguardia come il nostro è possibile una cosa di questo tipo?

La forte madre è molto preoccupata, anzi non è soddisfatta della situazione corrente, per questo lei cerca di catturare l’attenzione del pubblico e mettere in evidenza questo problema impostante!

Biagina Grippo / Facebook

L’Asl è al Medioevo non ha mai investito in questo campo. E noi genitori siamo stati costretti ad autofinanziarci per partecipare a dei corsi sull’autismo. Ci siamo specializzati autonomamente. E adesso molti di noi sono più preparati dei dottori. Un giorno parlando con un medico, gli dissi che mio figlio soffriva della sindrome di Asperger. Lui sapete cosa rispose? Cos’è sta cosa?

Biagina insiste che questa situazione deve essere cambiata!

Per assistere un bambino autistico è necessario avere delle competenze specifiche ma invece, nella stragrande maggioranza dei casi, gli insegnanti di sostegno non hanno alcuna competenza. Quando invece capita la fortuna di trovare un docente preparato, dopo un anno viene trasferito e il bambino resta nuovamente da solo. A scuola è necessario la presenza di docenti competenti e di continuità, altrimenti si finisce col peggiorare ancor più la situazione.

La madre di Francesco, come tantissimi altri genitori dei bambini speciali, si è sentita impotente e esclusa dal sistema. Tuttavia, non vuole stare zitta! Biagina ha deciso di occuparsene personalmente! Desidera cambiare non solo la vita della sua famiglia, ma anche cambiare il sistema in generale!

Biagina, in bocca al lupo per tutto!

Ma voi condividete i pensieri di Biagina?

Fonte: Biangina Grippo / FacebookLuigi Savino / Facebook

LEGGETE ANCHE: Sindrome di Asperger: quali sono i sintomi e come si cura