Otto ragioni mediche per la stanchezza cronica

Salute e Stile di vita

La stanchezza è una naturale reazione del corpo risultante da lavoro fisico ed intellettuale. Per poterla respingere, solitamente la miglior soluzione è quella di dormire a sufficienza. Se però anche dormire un adeguato numero di ore non vi aiuta a non sentirvi affaticati, dovreste stare attenti perché potrebbe voler dire che dietro a quella fatica cronica potrebbe esserci un serio problema medico.

1. Menopausa

Nel corso della menopausa, le donne hanno spesso problemi del sonno. Questo è dovuto ai cambiamenti nel sistema ormonale che causano scalmane notturne. Ciò rende difficoltoso l'atto di addormentarsi. Come risultato, le donne tendono a sentirsi sopraffatte dopo una notte insonne.

2. Anemia

Kateryna Kon / Shutterstock.com

L'anemia (diminuzione dei livelli di emoglobina e/o degli eritrociti) è una delle ragioni più comuni per la stanchezza cronica. La causa più comune dell'anemia è la carenza di ferro. Altri sintomi di questa malattia includono pallore, battito cardiaco accelerato, tinnito, fiato corto ed emicrania.

3. Artrite reumatoide

L'artrite reumatoide è un'altra causa della stanchezza cronica. I sintomi principali di questa malattia includono debolezza, rigidità mattutina, dolore alle articolazioni e un lieve aumento della temperatura. L'artrite reumatoide richiede trattamenti tempestivi in quanto la malattia può sfociare in inabilità a lavorare e anche in disabilità totale.

4. Diabete

Eviart / Shutterstock.com

Questa malattia viene associata ad un'insufficienza parziale o totale di insulina. A causa di questa deficienza, le cellule del nostro corpo non ricevono glucosio a sufficienza, principale carburante del corpo umano. Come conseguenza, le risorse energetiche si esauriscono rapidamente. Questo, come risultato, porta a sentirsi esausti.

5. Infezioni del sistema genitale ed urinario

Se hai mai avuto un'infezione al tratto urinario, avrai familiarità con la sensazione di bruciore durante la minzione, così come con bisogni forti ed urgenti. Ma il processo infettivo non si manifesta sempre con i sintomi classici (molto spesso, la fatica è l'unica lamentela che presenta il paziente). Un'analisi delle urine può aiutare a confermare la diagnosi.

6. Insufficienza cardiaca

MEgo-studio / Shutterstock.com

Quando si è affetti da questa malattia, il cuore non è in grado di fornire i quantitativi di ossigeno necessari ai tessuti del nostro corpo. Per fare in modo che gli organi vitali ricevano i quantitativi necessari di sangue per il loro corretto funzionamento, il corpo limita l'afflusso di sangue alle zone periferiche. Come conseguenza, anche le semplici azioni abituali quotidiane possono causare una stanchezza estrema. Altri segnali caratteristici di questa malattia sono il fiato corto, la tosse e gonfiore.

7. Sindrome da stanchezza cronica (CFS) e fibromialgia

Se la fatica costante ha portato ad una limitazione delle attività casalinghe e dura da più di 6 mesi, potrebbe essere un sintomo di CFS o fibromialgia. Sebbene possano esserci altre manifestazioni per queste malattie, il sintomo più comune è proprio una sensazione di stanchezza inspiegabile.

8. Tumore maligno

Un tumore, e il trattamento per curarlo, possono essere entrambi motivi di stanchezza. I pazienti malati di cancro si sentono esausti anche dopo un sonno profondo. Dopo la durata del trattamento, i pazienti possono aver bisogno anche di 6-12 mesi per sentirsi nuovamente in salute. Molte delle persone che hanno subito un trattamento medicinale per un tumore affermano che la stanchezza cronica è il peggiore effetto collaterale della terapia.

Come puoi vedere, la stanchezza non è solo causata dal duro lavoro. Non aspettare troppo a lungo per consultare un medico se noti uno dei sintomi sopra menzionati.

LEGGETE ANCHE: 5 segnali che indicano carenza di ferro nell’organismo


Questo post ha scopi puramente informativi. Non intende sostituirsi al parere medico. Fabiosa Italia declina ogni responsabilità in merito a eventuali conseguenze derivanti da qualsiasi trattamento, procedura, esercizio fisico, cambiamenti dell’alimentazione, azione o applicazione di farmaci in seguito alla lettura delle informazioni contenute in questo post. Prima di sottoporsi a qualsiasi trattamento il lettore dovrebbe consultare il proprio medico curante o un altro operatore sanitario.