Donna non sorride da ben 40 anni: "Non ho neanche una ruga sul volto, la mia costanza mi ha ripagata"

Salute e Stile di vita

July 12, 2019 18:04 By Fabiosa

Spesso le donne spendono tempo e denaro per combattere le rughe e i segni del tempo. Ma mentre molte scelgono procedimenti estetici e chirurgia, l'eriona di cui vi raccontiamo oggi ha trovato un modo unico per risolvere il problema.

La 50 enne Tess Christian, dal Regno Unito, ha detto di non ridere o sorridere da 40 anni! E questo le ha permesso di preservare la sua giovinezza.

La sua logica è semplice: meno si sorride, meno rughe marcano il volto.

Forse vi starete chiedendo: com'è possibile che una bambina di 10 anni sia preoccupata dai segni del tempo? Beh, tutto è cominciato per un altro motivo.

Tess ha sviluppato una strana abitudine nella scuola cattolica in cui studiava perché le suore dicevano costantemente ai bambini di "cancellare il sorriso dalla loro faccia."

E ben prima che la donna diventasse adulta, questa abitudine era già parte di lei. Da adolescente aveva anche deciso di ispirarsi a dive di Hollywood come Marlene Dietrich, che sorrideva raramente.

Tess, però, ha uno spiccato senso dell'umorismo. La sua scelta di non ridere è stata presa coscientemente, e lei ritiene che il segreto per preservare la giovinezza sia "un'espressione impenetrabile del volto."

Non ho rughe perché ho imparato a controllare i muscoli del viso. Tutti mi chiedono se mi sia fatta il botox, ma non è così; so che è grazie al fatto di non aver riso né sorriso da quando ero una bambina. Non ho una singola ruga sul volto, la mia costanza mi ha ripagata."

Secondo la donna, il suo segreto è più efficace di qualsiasi crema antietà. Anche celebrità come Kim Kardashian ridono poco per evitare le rughe. Ma sarà vero che non ricorrono a cosmetici e filler?

Cosa pensate della scelta di Tess? Riuscireste a non ridere o sorridere per almeno un giorno? E per 40 anni? Attendiamo i vostri commenti!

LEGGETE ANCHE: Strappa le sopracciglia alla figlia di 15 mesi, criticata: "La obbliga a piegarsi agli standard di bellezza degli adulti"