Le patologie tiroidee sono spesso sottovalutate ai primi sta

Le patologie tiroidee sono spesso sottovalutate ai primi stadi: quali sono i sintomi da non ignorare?

Stile di vita & Community

November 14, 2018 19:09 By Fabiosa

Molti di noi tendono a posporre o evitare i controlli medici, o ad ignorare dei disturbi, finché non è troppo tardi. Nelle prime fasi, molte malattie sono asintomatiche. Ecco cos'è capitato ad una giovane attrice, Lorna Brown: a 26 anni le è stato diagnosticato un cancro alla tiroide. È emerso che uno dei sintomi era chiaramente visibile da lungo tempo.

Le patologie tiroidee sono spesso sottovalutate ai primi stadi: quali sono i sintomi da non ignorare?Le patologie tiroidee sono spesso sottovalutate ai primi stadi: quali sono i sintomi da non ignorare?Le patologie tiroidee sono spesso sottovalutate ai primi stadi: quali sono i sintomi da non ignorare?Le patologie tiroidee sono spesso sottovalutate ai primi stadi: quali sono i sintomi da non ignorare?Le patologie tiroidee sono spesso sottovalutate ai primi stadi: quali sono i sintomi da non ignorare?

Funzioni della ghiandola tiroidea

Gli ormoni che contengono iodio, chiamati T4 e T3 (tiroxina e triiodotironina) regolano il metabolismo, lo svluppo degli organi, la produzione e l'accumulo di energia: tutte attività che influenzano direttamente la resistenza fisica di una persona. La calcitonina controlla il metabolismo del calcio e contribuisce all'adeguato sviluppo e al funzionamento dello scheletro. Un ruolo importante nell'assicurare che la ghiandola tiroidea funzioni correttamente è svolto anche dalla tirotrofina - o ormone tireotropo (TSH) -, che viene sintetizzato nell'ipofisi del cervello.

LEGGETE ANCHE: Sindrome da stanchezza cronica: otto segnali di allarme a cui prestare attenzione

Le patologie tiroidee sono spesso sottovalutate ai primi stadi: quali sono i sintomi da non ignorare?Le patologie tiroidee sono spesso sottovalutate ai primi stadi: quali sono i sintomi da non ignorare?Le patologie tiroidee sono spesso sottovalutate ai primi stadi: quali sono i sintomi da non ignorare?Le patologie tiroidee sono spesso sottovalutate ai primi stadi: quali sono i sintomi da non ignorare?Kateryna Kon / Shutterstock.com

Quando lo stato di salute è buono o soddisfacente, le variazioni di ogni indice sono insignificanti. Potrebbero cambiare a seconda di età, genere e stile di vita, ad esempio.

112905

Le patologie tiroidee sono spesso sottovalutate ai primi stadi: quali sono i sintomi da non ignorare?Le patologie tiroidee sono spesso sottovalutate ai primi stadi: quali sono i sintomi da non ignorare?Le patologie tiroidee sono spesso sottovalutate ai primi stadi: quali sono i sintomi da non ignorare?Le patologie tiroidee sono spesso sottovalutate ai primi stadi: quali sono i sintomi da non ignorare?

LEGGETE ANCHE: Coagulo di sangue nelle gambe: 4 sintomi cui prestare attenzione e come capire se si tratti di una situazione d'emergenza

Disturbi della tiroide

Variazioni possono indicare disturbi sistemici alla ghiandola tiroidea. Tuttavia, esistono varie patologie serie che sono asintomatiche e che non vengono riconosciute dalle prime analisi. Tra questo, la tiroidite, l'eutiroidismo, neoplasmi benigni e maligni - anche con metastasi.

Quando Brown ha scoperto di avere un tumore alla tiroide, non ci credeva perché si sentiva benissimo. L'unico segnale della malattia era un lieve rigonfiamento sotto la pelle del collo - ben visibile in tutte le foto della ragazza.

Un esame specifico ha confermato la presenza di un nodulo sulla superficie della ghiandola tiroidea, che si è poi dimostrato maligno. Il problema è stato riscontrato in fase iniziale e, grazie alla rimozione della parte danneggiata della ghiandola, Lorna non è stata costretta as assumere farmaci ormonali sostitutivi per il resto della vita.

Le patologie tiroidee sono spesso sottovalutate ai primi stadi: quali sono i sintomi da non ignorare?Le patologie tiroidee sono spesso sottovalutate ai primi stadi: quali sono i sintomi da non ignorare?Le patologie tiroidee sono spesso sottovalutate ai primi stadi: quali sono i sintomi da non ignorare?Le patologie tiroidee sono spesso sottovalutate ai primi stadi: quali sono i sintomi da non ignorare?

Ha però deciso di condividere la sua storia sui social network, così da sensibilizzare gli utenti sul problema.

I sintomi da notare

La tabella sottostante indica i sintomi che indicano disfunzioni degli ormoni.

Le patologie tiroidee sono spesso sottovalutate ai primi stadi: quali sono i sintomi da non ignorare?Le patologie tiroidee sono spesso sottovalutate ai primi stadi: quali sono i sintomi da non ignorare?Le patologie tiroidee sono spesso sottovalutate ai primi stadi: quali sono i sintomi da non ignorare?Le patologie tiroidee sono spesso sottovalutate ai primi stadi: quali sono i sintomi da non ignorare?

Se notate che vari sintomi di ipo- o ipertiroidismo compaiono nello stesso tempo, ricorrete ad un'analisi degli ormoni tiroidei e sottoponetevi a test ulteriori.

Le patologie tiroidee sono spesso sottovalutate ai primi stadi: quali sono i sintomi da non ignorare?Le patologie tiroidee sono spesso sottovalutate ai primi stadi: quali sono i sintomi da non ignorare?Le patologie tiroidee sono spesso sottovalutate ai primi stadi: quali sono i sintomi da non ignorare?Le patologie tiroidee sono spesso sottovalutate ai primi stadi: quali sono i sintomi da non ignorare?Le patologie tiroidee sono spesso sottovalutate ai primi stadi: quali sono i sintomi da non ignorare?

Diversi fattori possono interferire nella funzione della tiroide. Se vivete in un'area in cui sono presenti radiazioni o dove si osserva insufficienza di iodio, sottoponetevi ad esami medici regolarmente. Un test non evidenzia sempre un disordine, ma un esperto sarà sicuramente in grado di farvi fare ulteriori analisi per comprendere se - e in che misura - dovreste preoccuparvi.

LEGGETE ANCHE: Sintomi poco conosciuti ma visibili del cancro alla tiroide: giovane donna condivide le sue foto per far sapere come appare


Questo articolo ha scopi puramente informativi. Non utilizzare automedicazioni e, in ogni caso, consultare sempre un professionista sanitario qualificato prima di utilizzare qualsiasi informazione presentata nell'articolo. Il comitato editoriale non garantisce alcun risultato e non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni che possano risultare dall'utilizzo delle informazioni fornite in questo articolo.