Questo medico salvò la vita a migliaia di bambini con una comune zuppa di carote

Oggigiorno i genitori hanno l'abitudine di curare qualsiasi malanno dei figli ricorrendo ai farmaci da banco, visto che alcuni problemi di salute possono essere risolti perfino senza consultare il medico curante. Tuttavia, in passato, quando la medicina era ancora molto arretrata, i disturbi lievi potevano rivelarsi fatali. Questo stadio durò a lungo, finché un pediatra trovò una soluzione semplice ma allo stesso tempo brillante che salvò la vita di migliaia di bambini.

undefinedFoodio / Shutterstock.com

Più di centocinquant'anni fa il tasso di mortalità infantile era molto elevato. Era difficile non solo sopravvivere al parto, ma anche all'infanzia. Fortunatamente, un medico compì una vera rivoluzione nella cura delle malattie infantili.

LEGGETE ANCHE: Volevano costringerli a interrompere la gravidanza: oggi la loro bambina è sana e più bella che mai!

Ernst Moro nacque in un paesino dell'Austria-Ungheria. Si laureò in medicina a Graz e successivamente si specializzò in pediatria a Monaco.

Durante lo svolgimento della sua professione, Moro fece alcune importanti scoperte, in particolar modo contribuì allo sviluppo della diagnosi di paralisi cerebrale, scoprendo quello che successivamente fu chiamato il riflesso di Moro. Secondo la teoria di Ernst, se un neonato sente un rumore brusco e improvviso, dovrebbe allargare le braccia e subito dopo piegarle. L'assenza di questo riflesso, secondo la sua ipotesi, era indice di danni neurologici.

undefinedFamVeld / Shutterstock.com

Tuttavia, Il contributo di Moro allo sviluppo della pediatria non finì lì. Scoprì i benefici dei lattobacilli per il corpo umano, consigliò la sterilizzazione dei biberon e inventò una formula per l'allattamento artificiale. Come ben sapete, tutto ciò è ampiamente utilizzato ancora oggi.

LEGGETE ANCHE: I vostri figli danno il loro peggio quando sono da soli con voi? Per gli esperti è un buon segno

undefinedAfrica Studio / Shutterstock.com

Nel 1908 Ernst fece la sua scoperta più importante. All'epoca venticinque neonati su cento non superavano il primo anno di vita e la causa principale dell'alto tasso di mortalità infantile era la diarrea. Moro trovò una soluzione semplice grazie alla quale il numero dei decessi si ridusse quasi del 50%. Consigliò di somministrare ai bambini zuppa di carote.

undefinedEkaterina Kondratova / Shutterstock.com

La ricetta è abbastanza semplice: si frulla un chilo di carote bollite, si aggiungono circa 900 ml d'acqua e un pizzico di sale e si lascia bollire la purea bollire per un'ora. Questa semplice zuppa è un rimedio per combattere la diarrea molto più efficace di qualsiasi medicinale.

undefined

Sorprendentemente, il potere miracoloso della zuppa di carote è stato spiegato soltanto all'inizio del Ventunesimo secolo, quando da alcuni studi è emerso che gli oligosaccaridi contenuti in questa zuppa impediscono ai batteri di attaccare la mucosa intestinale. 

undefinedGreenArt / Shutterstock.com

La carota è un'eccellente fonte di componenti essenziali. È ricca di magnesio, carotene, antiossidanti, fibre, fosforo, calcio e un'ampia varietà di vitamine e minerali.

undefinedAnna Ilieva-Alikaj / Shutterstock.com

Oltre a essere un ottimo rimedio contro la diarrea, la carota presenta le seguenti proprietà benefiche per il corpo umano:

  • previene il cancro al polmone e al colon;
  • distrugge le cellule leucemiche e ne previene la diffusione;
  • mantiene sotto controllo i livelli di glucosio nel sangue;
  • previene lo sviluppo delle patologie cardiovascolari;
  • rinforza il sistema immunitario.

Sfortunatamente, nonostante le sue scoperte fondamentali, Ernst Moro non ricevette un solo riconoscimento. Però raggiunse un traguardo molto più importante: salvò la vita a migliaia di bambini. Ciò è più che sufficiente per ricordare ed essere riconoscenti a quest'illuminato!

LEGGETE ANCHE: Sentivano piangere in un cimitero, ma non era un fantasma: un neonato era stato abbandonato tra due tombe


Questo articolo ha scopi puramente informativi. Non utilizzare automedicazioni e, in ogni caso, consultare sempre un professionista sanitario qualificato prima di utilizzare qualsiasi informazione presentata nell'articolo. Il comitato editoriale non garantisce alcun risultato e non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni che possano risultare dall'utilizzo delle informazioni fornite in questo articolo.