7 miti sulla cura della pelle che possono essere dannosi

TRUCCHETTI

7 miti sulla cura della pelle che possono essere dannosi

Date August 30, 2018 12:16

La bellezza e la cura della pelle sono come la medicina e la politica: tutti pensano di saperne più degli altri. Ma sarà così?

goodluz / Shutterstock.com

Oggi, sfatiamo 7 miti comuni che riguardano la cura della pelle; è ora di smettere di credere che siano veri.

1. Tutti i prodotti contenenti alcol seccano la pelle

belchonock / Depositphotos.com

Senza dubbio, l'alcol di per sé secca la pelle, ma gli ingredienti dei prodotti di bellezza all'alcol hanno molti vantaggi e usi. Lo spirito può agire come emulsionante, solvente e persino antiossidante. Ad esempio, l'alcol, che viene spesso utilizzato nell'industria cosmetica, esercita un'azione lenitiva e idratante sulla pelle.

2. La pigmentazione legata all'invecchiamento è inevitabile

Timonina / Shutterstock.com

Ci sono molti fattori che causano la comparsa di macchie di pigmento. Includono gli effetti della radiazione ultravioletta, della genetica e degli squilibri ormonali. La cosiddetta pigmentazione legata all'invecchiamento può essere evitata. Per questo, è consigliabile utilizzare prodotti con SPF alto e prodotti speciali per la pelle matura.

3. Fondotinta e base trucco dovrebbero essere testati sul polso

LEGGETE ANCHE: Lividi che appaiono "dal nulla" possono essere un segno allarmante

mak_Jen / Shutterstock.com

Solo nel caso in cui sei estremamente pallida, in quanto la pelle sul polso è generalmente molto più chiara. La prossima volta prova il fondotinta lungo la mandibola.

4. È meglio lasciare la pelle libera di respirare di notte ed evitare l'uso di creme da notte

Leszek Glasner / Shutterstock.com

LEGGETE ANCHE: L'acne sul viso può essere causata da diversi fattori, ogni area indica un problema differente!

Il nostro corpo è progettato in modo tale che tutti i processi rigenerativi avvengono durante la notte, e la pelle non fa eccezione. Dopo aver pulito il viso dal trucco e dallo sporco accumulato durante la giornata, vai avanti e applica una crema idratante o nutriente. Non interferisce con la respirazione naturale della pelle né ostruisce i pori.

5. I tonici per il viso sono uno spreco di denaro

Robert Przybysz / Shutterstock.com

Su Internet circola la notizia che il tonico sia un prodotto veramente inutile. Tuttavia, aiuta davvero a ripristinare l'equilibrio della pelle dopo che è stata pulita. Indipendentemente da ciò che è stato usato per lavarla: detergente in schiuma, sapone, lozione o acqua.

6. Dormire sulle federe di seta aiuta a prevenire le rughe

Una delle cause principali della comparsa delle rughe è il fotoinvecchiamento, che è associato all'esposizione ai raggi UV. Le federe fatte di seta o qualsiasi altro tessuto morbido sono una misura inefficace di prevenzione giacché una persona cambia la posizione molte volte durante la notte e trascorre una terzo del riposo notturno sulla schiena. Questo lasso di tempo è semplicemente insufficiente per far sì che si formino le rughe.

7. I conservanti contenuti nei prodotti per la cura personale sono dannosi per la pelle

Voyagerix / Shutterstock.com

Questi componenti hanno un effetto antibatterico, prevengono la decomposizione degli ingredienti e prolungano la durata di conservazione del prodotto in un imballaggio non sigillato. Senza di loro, dovremmo tenere le creme in un frigorifero separato, tirarle fuori dai barattoli con una spatola sterile e comprarne di nuove ogni 3-4 giorni.

Credevi che questi miti fossero veri? Quali altri prodotti di bellezza consideri uno spreco di denaro? Faccelo sapere nei commenti.

LEGGETE ANCHE: Le 10 abitudini di bellezza più comuni che possono in realtà essere dannose per il corpo


Questo articolo ha scopi puramente informativi. Prima di utilizzare le informazioni presentate, consultare uno specialista certificato. L’utilizzo delle informazioni sopracitate può risultare nocivo per la salute. Il comitato editoriale non garantisce alcun risultato e non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni o conseguenze che possano risultare dall’utilizzo delle informazioni fornite.