Come cambiano gli ormoni femminili dopo i 40 anni

BENESSERE & FITNESS

Donne over 40: cosa succede agli ormoni femminili a quell'età

Data 16 gennaio 2020

Ogni donna sa quanto gli ormoni influiscano sulla sua vita, soprattutto a partire dalla prima mestruazione. Durante la gravidanza, poi, l'altalena ormonale è ancora più accentuata e sembra di essere sulle montagne russe.

Superati i 40 anni, quando il corpo inizia la transizione verso la menopausa, questi ricominciano a 'fare le bizze'. Siete pronti a scoprire cosa succede?

Donne over 40: cosa succede agli ormoni femminili a quell'etàDonne over 40: cosa succede agli ormoni femminili a quell'etàDonne over 40: cosa succede agli ormoni femminili a quell'età© Fabiosa Media

Gli ormoni nelle donne over 40

Dopo una certa età, è normale assistere a cambiamenti nei livelli ormonali femminili. Anche se non si possono evitare, ciò non significa che siamo costrette a soffrire; infatti, esistono diversi medicinali specifici per mantenerli in equilibrio.

Ma cosa succede quando superiamo la quarantina?

Donne over 40: cosa succede agli ormoni femminili a quell'etàDonne over 40: cosa succede agli ormoni femminili a quell'etàDonne over 40: cosa succede agli ormoni femminili a quell'età© Fabiosa Media

  1. Il metabolismo rallenta.
  2. La libido diminuisce.
  3. Il tono muscolare diminuisce.
  4. La densità ossea si riduce.
  5. La suscettibilità a stress e depressione aumenta.

È essenziale capire che i sintomi non si manifestano tutti contemporaneamente; i cambiamenti sono graduali. Esiste un periodo detto perimenopausa, che precede la menopausa, in cui si possono già avvertire fluttuazioni ormonali. Ma non è nemmeno detto che ogni donna abbia tutti gli stessi sintomi - il corpo di ognuna è unico.

Cosa accade agli ormoni?

Estrogeno

Donne over 40: cosa succede agli ormoni femminili a quell'etàDonne over 40: cosa succede agli ormoni femminili a quell'etàDonne over 40: cosa succede agli ormoni femminili a quell'etàDopo i 40 anni, cosa succede agli ormoni femminili?Ayurveda approach to menopauseYAKOBCHUK VIACHESLAV / Shutterstock.com

Si tratta dell'ormone femminile più importante perché è responsabile del ciclo mestruale, dello sviluppo degli organi riproduttivi e della formazione delle caratteristiche sessuali esteriori. Quando una donna over 40 comincia ad avvertire problemi con le mestruazioni (interruzioni, ritardi), questo è associato ad un calo dell'ormone estrogeno.

Cortisolo

Al contrario, l'aumento dell'ormone dello stress rende una donna più suscettibile a sfoghi emotivi (depressione, panico). La sua crescita comporta anche un incremento dei livelli di zuccheri nel sangue.

Melatonina

Donne over 40: cosa succede agli ormoni femminili a quell'etàDonne over 40: cosa succede agli ormoni femminili a quell'etàDonne over 40: cosa succede agli ormoni femminili a quell'etàDopo i 40 anni, cosa succede agli ormoni femminili?Marcos Mesa Sam Wordley / Shutterstock.com

Questo ormone è responsabile dei ritmi biologici, quindi quando diminuisce, si possono riscontrare problemi di sonno.

Progesterone

Essendo legato alla gravidanza, una discesa nel suo livello fa diminuire anche la fertilità. Invece, quando si è carenti di progesterone, si può soffrire di secchezza vaginale, che causa dolore e fastidio durante i rapporti intimi.

Testosterone

Donne over 40: cosa succede agli ormoni femminili a quell'etàDonne over 40: cosa succede agli ormoni femminili a quell'etàDonne over 40: cosa succede agli ormoni femminili a quell'età© Fabiosa Media

Questo ormone prevalentemente maschile è responsabile della passione. Il suo calo comporta una diminuzione della libido e allo sviluppo di grasso addominale. Inoltre, potreste sentirvi deboli e perdere elasticità vascolare.

Donne over 40: cosa succede agli ormoni femminili a quell'etàDonne over 40: cosa succede agli ormoni femminili a quell'etàDonne over 40: cosa succede agli ormoni femminili a quell'etàDopo i 40 anni, cosa succede agli ormoni femminili?Amanda Lewis menopauseChinnapong / Shutterstock.com

Ogni donna over 40 dovrebbe essere pronta a superare questi ostacoli. Ricordate, non c'è motivo di disperarsi; consultate il vostro ginecologo per capire come affrontare al meglio i vari sintomi. Prendetevi cura di voi stesse!

LEGGETE ANCHE: Donna ignora un disturbo per lungo tempo: poi arriva la triste diagnosi di un cancro al seno al terzo stadio


Questo articolo ha scopi puramente informativi. Non utilizzare automedicazioni e, in ogni caso, consultare sempre un professionista sanitario qualificato prima di utilizzare qualsiasi informazione presentata nell'articolo. Il comitato editoriale non garantisce alcun risultato e non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni che possano risultare dall'utilizzo delle informazioni fornite in questo articolo.