'Dissero loro che non avrebbe funzionato!' Una coppia con la sindrome di Down è in procinto di festeggiare il ventitreesimo anniversario

Ispirazione

January 17, 2018 15:42 By Fabiosa

Quando Maryanne e Tommy Pilling si sposarono a febbraio del 1995, molti erano alquanto scettici. La coppia, che presumibilmente era la prima con la sindrome di Down a sposarsi, si era frequentata per un anno e mezzo circa, prima di decidere di ufficializzare la cosa.

Fortunatamente non permisero che i bastian contrari smorzassero il loro entusiasmo. Non solo hanno una relazione solida a distanza di quasi ventitré anni, ma stanno anche sfruttando la propria storia per ispirare migliaia di persone.

La coppia ha una pagina Facebook creata dalla sorella di Maryanne, Lindi Newman. La pagina offre ai fan frequenti aggiornamenti sulla coppia e sui suoi progressi.

Ricordando il giorno in cui sua sorella e Tommy si conobbero, Lindi ha raccontato che Maryanne "rientrò a casa con un sorriso enorme stampato sulle labbra". La ragazza innamorata non la finiva più di parlare di Tommy.

Lindi ha raccontato che, dopo diciotto mesi di fidanzamento, Tommy affrontò la loro mamma per chiederle il consenso di sposare Maryanne. All'epoca il giovanotto infatuato poteva offrirle soltanto un anello giocattolo preso da una macchinetta.

La mamma era talmente entusiasta del fatto che la figlia avesse trovato un brav'uomo, che desiderava a tutti i costi che i due facessero le cose per bene, a tal punto da accompagnare Tommy in una gioielleria, affinché scegliesse un anello come si deve per la sua ragazza.

Naturalmente, avendo la sindrome di Down, il loro aspetto fisico non passava inosservato. Quando camminavano mano nella mano, molti si fermavano a fissarli. Parecchia gente criticò la mamma di Maryanne per aver permesso alla coppia di sposarsi. Ma la famiglia restò fedele a ciò in cui credeva.

Tra le negatività e le critiche ci sono stati alcuni che hanno tratto perfino ispirazione dalla storia della coppia. Quelli che hanno figli, nipoti o parenti con la sindrome di Down spesso si chiedono se quei bambini diventeranno adulti e troveranno il vero amore come le persone 'normali'.

La storia di Maryanne e Tommy è diventata un messaggio di speranza per quelle persone. La felicità che la coppia ha condiviso ha rinfrancato il loro spirito e conferma la loro convinzione che una diagnosi di sindrome di Down non è necessariamente la fine del mondo.

A proposito della loro vita coniugale, Maryanne ha dichiarato al Dailymail;

Tommy e io non litighiamo mai. Amo moltissimo mio marito. È il mio miglior amico.

Chiunque dovrebbe trarre insegnamento dal messaggio di accettazione e amore condiviso da questa coppia. In cuor loro sapevano che era vero e ora ne stanno raccogliendo i frutti.

Fonte: Dailymail