Data l'ampia varietà di consigli e segreti sulle diete dimagranti è facile sentirsi disorientati. I fanatici del fitness e coloro che desiderano sbarazzarsi dei chili di troppo spesso rimangono perplessi quando si parla di alimentazione sana. Ci sono alcuni luoghi comuni sulle diete che si sono sedimentati nel corso del tempo a tal punto da essere considerati sacrosante verità, ma in realtà danneggiano la salute anziché migliorarla. Pertanto è arrivato il momento di sfatare i falsi miti su determinati alimenti e imparare a mangiare sano per apportare benefici al nostro corpo.

Syda Productions / Shutterstock.com

Mito #1. Sono i grassi a renderti grasso

È falso. Ci sono diversi tipi di grassi. Gli acidi grassi svolgono un ruolo importante nell'assorbimento delle vitamine e di molti micronutrienti. Sono essenziali e importantissimi per il nostro benessere. Ma devi prestare attenzione ai grassi che consumi, aumentando soltanto l'apporto di quelli monoinsaturi e polinsaturi.

Mito #2. Il latte di mandorla è più sano di quello normale

Il latte di mandorla ha un valore nutrizionale inferiore a quello del latte vaccino e contiene soltanto un grammo di proteine per tazza. Tra i prodotti di origine vegetale il latte di soia apporta maggiori benefici in quanto ne contiene sette.

Looker_Studio / Shutterstock.com

Mito #3. I dolcificanti artificiali sono più sani di quelli naturali

Alcuni sostengono che i dolcificanti artificiali siano migliori di quelli naturali. In realtà sono composti chimici di laboratorio e potrebbero provocare reazioni allergiche. Non ha alcun senso usarli in alternativa ai dolcificanti naturali.

Mito #4. Bisognerebbe bere otto bicchieri d'acqua al giorno

In realtà questa affermazione non ha nessun fondamento scientifico. È vero che dobbiamo bere molta acqua per favorire i processi fisiologici che avvengono nel nostro corpo, ma il fabbisogno giornaliero varia da persona a persona e dipende anche da fattori esterni. Le alterazioni di colore dell'urina potrebbero essere indice di uno stato di disidratazione.

sebra / Shutterstock.com

Mito #5. Non bisognerebbe mangiare dopo le sei del pomeriggio

Ciò avrebbe senso se andassi a letto alle sette o alle otto di sera. Sebbene i medici solitamente raccomandino di non mangiare poco prima di andare a dormire, tutto dipende da ciò che si mangia. Assumere proteine la sera stimola la sintesi proteica e conseguentemente l'aumento della massa muscolare. In questo caso non potrai che trarre vantaggio se consumi un pasto leggero due o tre ore prima di andare a letto.

Mito #6. I carboidrati sono dannosi

È opportuno fare una distinzione tra i carboidrati semplici, che sono raffinati e privati delle sostanze nutritive e che pertanto sono quasi unicamente composti da zuccheri, e i carboidrati complessi che sono un'importante fonte d'energia perché ricchi di micronutrienti e fibre. Quindi è preferibile consumare i carboidrati complessi per il loro elevato valore nutrizionale.

Daniela Staerk / Shutterstock.com

Mito #7. Il desiderio irrefrenabile di determinati alimenti indica una carenza nutrizionale

Questa è la scusa addotta da quelli che non riescono a resistere alla voglia incontrollabile del cosiddetto cibo spazzatura. Non ci sono prove scientifiche a dimostrazione del fatto che il desiderio di un determinato alimento sia dovuto a una carenza nutrizionale. Solitamente rivela una dipendenza psicologica che ci aiuta a sentirci meglio, aumentando la sensazione di piacere e appagamento.

Adesso che conosci i falsi miti più comuni sull'alimentazione, probabilmente eviterai di commettere alcuni errori che potrebbero compromettere il risultato di una dieta dimagrante. Ricorda che la chiave per dimagrire con successo è adottare alcune abitudini alimentari che ti aiutino a traboccare di salute!


Questo articolo ha scopi puramente informativi. Prima di utilizzare le informazioni presentate, consultare uno specialista certificato. L’utilizzo delle informazioni sopracitate può risultare nocivo per la salute. Il comitato editoriale non garantisce alcun risultato e non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni o conseguenze che possano risultare dall’utilizzo delle informazioni fornite.

Raccommandiamo