"Cercava di dirmi qualcosa!" Un soldato condivide la storia del suo strano incontro con un cucciolo d'alce nella foresta

Animali

July 17, 2018 12:43 By Fabiosa

Nelle foreste dell'Estonia, un soldato si è imbattuto in un bellissimo cucciolo di alce che sembrava avesse bisogno del suo aiuto. E il militare è stato felice di aiutarlo.

Un giorno, durante le sue esercitazioni militari, Erich Jyri Prikko, soldato delle forze di difesa dell'Estonia, si è avventurato nei boschi.

Parlando a "The Dodo", Prikko ha detto che mentre si trovava nella foresta alla ricerca di un "bagno alternativo", un rumore catturò la sua attenzione.

Inizialmente pensò si trattasse di un gatto o di un bambino, quindi decise di dare un'occhiata. Tuttavia, prima che potesse fare un solo passo, gli si fece incontro un "animale carino". Prikko fu colto alla sprovvista quando si rese conto di aver a che fare con un cucciolo d'alce. L'uomo ha dichiarato:

All'inizio, ho pensato fosse un cane, ma mi sono subito reso conto che era un cucciolo d'alce che cercava di dirmi qualcosa.

Inizialmente, l'alce si mostrò diffidente nei confronti del soldato. Non volendo spaventare ulteriormente l'animale, Prikko si sedette con calma nel punto in cui si trovava e cominciò a osservare in silenzio il cucciolo. 

Sperava che la mamma venisse presto a riprenderselo o che il piccolo alce continuasse a cercarla. Ma ciò che successe dopo, colse Prikko alla sprovvista. 

Questo sì che è commovente. Ottimo lavoro signore, il piccolo bacio dell'alce sono sicuro che non lo dimenticherete mai. Gli animali vogliono solo essere amati o messi in libertà.

L'alce cominciò a camminare verso il soldato, insicuro e comprensibilmente timido, ma quando realizzò che Prikko era affidabile, gli si avvicinò molto.

Il soldato ha vissuto una meravigliosa esperienza. È un privilegio avere la fiducia di un animale selvatico. Il piccolo alce era solo e probabilmente affamato. Tutto è andato bene. Bella storia.

Quando l'alce fu abbastanza vicino, iniziò ad annusare l'ascella di Prikko. Era abbastanza evidente che l'animale era affamato e in cerca di latte. Anche se l'alce non aveva trovato quello che stava cercando, era comunque confortato dalla presenza del soldato.

Sentendo il bisogno di aiutarlo ancora di più, il soldato chiamò gli uffici veterinari militari che gli consigliarono di lasciare da solo l'alce e di controllare la situazione da una distanza di sicurezza per constatare se la mamma dell'animale sarebbe arrivata. Inoltre, inviarono sul posto un veterinario con un po' di latte nel caso in cui la madre del cucciolo non si fosse fatta viva.

Scommetto che la mamma è stata riconoscente per il servizio gratuito come baby-sitter offerto da questo gentile soldato!

Prikko non voleva lasciare l'alce tutto solo, ma sapeva che era la cosa migliore da fare. Se fosse rimasto troppo vicino, avrebbe potuto spaventare la mamma dell'animale. Il soldato, quindi, si è mantenuto a distanza di sicurezza, tenendo comunque ancora d'occhio il suo nuovo amico.

Com'era prevedibile, la mamma dell'alce si è fatta viva e i due si sono incamminati insieme al tramonto.

Fonte: TheDodo