Gli esperti del linguaggio del corpo analizzano le relazioni tra Charles e Diana, William e Kate e Harry e Meghan

NOTIZIE SULLE CELEBRITÀ

Gli esperti del linguaggio del corpo analizzano le relazioni tra Charles e Diana, William e Kate e Harry e Meghan

Date September 20, 2018 19:18

Ogni coppia reale inglese ha il proprio modo di dimostrare affetto reciproco. Alcune delle più famose di recente hanno fatto notizia: il principe Charles e la principessa Diana, il principe William e Kate Middleton e il principe Harry e Meghan Markle.

gettyimages

Gli esperti del linguaggio del corpo hanno analizzato ciascuna relazione per cercare di scoprire cosa i membri di queste coppie provino realmente a vicenda.

Il video del matrimonio di Charles e Diana.

La principessa di Galles ha sposato il principe Charles il 29 luglio 1981. Milioni di persone in tutto il mondo hanno seguito la cerimonia. Ma, questo popolare video cosa svelava, di preciso, riguardo al loro amore?

La scrittrice ed esperta del linguaggio del corpo Judi James ha spiegato come stessero realmente le cose sul quotidiano UK Express. A suo parere, se qualcuno avesse analizzato il linguaggio del corpo avrebbe capito che rapporto esistesse fra loro. James ha detto che tutto cominciò durante la prima intervista da fidanzati, quando il famigerato commento di Charles, "qualunque cosa sia l'amore", suggerì uno scarso interesse da parte sua.

gettyimages

L'esperta ha anche aggiunto che il filmato del matrimonio "suggerisce un uomo che controlla le proprie emozioni e una donna fortemente sopraffatta da sentimenti contrastanti."

gettyimages

Diana si presentò nella cappella nuziale "splendida e con un sorriso raggiante sul volto" ma, guardandosi intorno, notò qualcosa che la fece commuovere e apparire vicina alle lacrime. In seguito rivelò in un'intervista di aver visto Camilla Parker Bowles tra gli astanti e che la presenza della rivale l’aveva resa triste nel suo grande giorno.

gettyimages

Nemmeno il Principe Charles fu uno sposo felice: "Aveva un'aria un po’ malinconica mentre aspettava la sposa, con le sopracciglia inarcate e lo sguardo distante e riflessivo."

Era l'espressione di qualcuno che sta compiendo il proprio dovere, senza lasciar trasparire le proprie emozioni.

gettyimages

L'intervista da fidanzati del principe William e di Kate Middleton.

La James ha esaminato anche la relazione che intercorre tra Will e Kate in un'intervista al quotidiano UK Express. Uno dei primi segnali che dimostra che entrambi provano sentimenti forti e veri l'uno per l'altra è stato il loro guardarsi reciprocamente durante l’intera intervista.

L'annuncio del loro fidanzamento ha avuto luogo nel 2010 e il linguaggio del corpo racconta la storia di una sposa che sostiene in tutto e per tutto il proprio sposo. La James ha affermato che, tra i due, William era il più ansioso, mentre Kate mostrava "un atteggiamento forte e sicuro."

gettyimages

L'esperta ha notato una dinamica adulto-bambino nella relazione e Kate sembrava essere la più autoritaria; ma questo è uno dei motivi per cui si completano a vicenda.

gettyimages

L'intervista da fidanzati del principe Harry e di Meghan Markle.

Lo scorso anno, la coppia ha annunciato il fidanzamento, accendendo l'entusiasmo di milioni di persone. La scrittrice ed esperta del linguaggio del corpo Tracy Brown ha detto alla rivista GoodHouseKeeping che il loro comportamento dimostra amore e adorazione reciproca.

Blanca Cobb, una professionista del linguaggio del corpo, intervenuta anch'essa nella rivista, ha detto che è stato un buon segnale che le loro mani fossero "intrecciate per tutto il tempo."

Durante l'intervista, Harry ha appoggiato una mano e un braccio sulla gamba di Meghan, mentre l'altra mano era stretta tra entrambe le mani di lei. È tenero vedere gesti rassicuranti tra i due.

gettyimages

Una cosa è certa, i due si amano profondamente. Il loro linguaggio del corpo in generale esprimeva silenzioso incoraggiamento, emozione e speranza.

LEGGETE ANCHE: Megan Markle deve restituire alcuni regali che ha ricevuto per il compleanno. Ma perché?