Alcuni studi potrebbero aver individuato la causa dell’autismo

VITA REALE

Alcuni studi potrebbero aver individuato la causa dell’autismo

Date August 29, 2018 19:03

Per molti anni, le cause dell’autismo sono state un mistero. Ci sono state diverse teorie e speculazioni su cosa possa causare questa condizione. Tuttavia, recenti studi sostengono di avere la risposta - e no, non riguarda i vaccini.

REDPIXEL.PL / Shutterstock.com

Su questa patologia sono state effettuate molte ricerche. Una delle più diffuse sostiene che l’autismo sia causato dai vaccini somministrati ai bambini appena nati. La cosa ha portato molti gentitori a rifiutarsi di far vaccinare i figli.

REDPIXEL.PL / Shutterstock.com

Più avanti è stato scoperto che quegli studi erano falsi e deliberatamente manipolati, il che ha portato a una smentita.

Chinnapong / Shutterstock.com

Studi più recenti hanno smascherato la teoria dei vaccini una volta per tutte, sostenendo che la causa dell’autismo sia più probabilmente dovuta alla presenza eccessiva di connessioni cerebrali chiamate sinapsi.

Nazarova Marii / Shutterstock.com

I ricercatori, che hanno pubblicato la loro scoperta sul giornale Nature Communications, sostengono che le connessioni cerebrali coinvolte possono influenzare negativamente il sistema nervoso.

Mopic / Shutterstock.com

Un gene malfunzionante all’interno dei neuroni potrebbe esserne la causa. Questo gene, chiamato RNF8, ha il compito di regolare le connessioni tra i neuroni e di rendere possibile la comunicazione tra gli stessi.

Photographee.eu / Shutterstock.com

Ma quando il gene non svolge il proprio compito nel modo giusto, può sovraccaricare il sistema e di conseguenza confondere il cervello.

Roman Yanushevsky / Shutterstock.com

Il senior Azad Bonni, autore dello studio, nonché capo del dipartimento di Neuroscienze presso la Scuola di Medicina dell’Università di Washington, afferma: 

Un aumento del numero di sinapsi nel cervello in via di sviluppo crea problemi di comunicazione tra i neuroni e causa menomazioni nell’apprendimento, anche se ancora non sappiamo in che modo.

Zahraa Saleh / Shutterstock.com

I ricercatori sono giunti a questa conclusione dopo aver eseguito un esperimento sui roditori, cui hanno rimosso il gene RNF8 dal cervelletto.

nito / Shutterstock.com

Hanno scoperto che anche se i roditori non presentavano difficoltà nelle capacità motorie, avevano grandi difficoltà nell’apprendere nuove abilità.

Olesia Bilkei / Shutterstock.com

L’autismo può essere una condizione difficile, sia per il bambino che per i genitori, ma studi come questo ci illuminano e ci danno speranza che una cura arriverà presto.

LEGGETE ANCHE: Autismo: il disturbo può insorgere tra il secondo e il terzo mese di gestazione