Miracolo! Una bimba è riuscita a sopravvivere per una settimana nella culla, dopo la morte della nonna che si stava prendendo cura di lei

Una bimba di nome Brier Ineichen è stata ritrovata viva una settimana dopo la morte della nonna, che si stava prendendo cura di lei. La bambina è rimasta da sola per tutto quel tempo. 

Annette Ineichen si prendeva cura di Brier perché Tracy, la mamma della bimba, era in carcere. La mamma era solita ricevere notizie della bimba con regolarità, ma, dopo una settimana di silenzio, ha cominciato a temere che potesse essere successo qualcosa. 

Perciò ha chiamato il compagno, Anthony, affinché si recasse a casa di Annette per vedere quale fosse la situazione. Una volta lì, Anthony è rimasto sconvolto dalla scena che gli si è presentata davanti agli occhi. 

Arrivato sul posto, non ricevendo alcuna risposta, ha dovuto sfondare la porta. Quindi si è ritrovato davanti la piccola Brier palesemente in fin di vita. 

Mallmo / Shutterstock.com

La povera bimba era in un grave stato di malnutrizione e disidratazione. Secondo Anthony, la bambina è riuscita a malapena a sollevare la testa quando lui ha cercato di tirarla su. È semplicemente collassata sul suo soccorritore. 

Viveva con la nonna perché la mamma era in carcere, ma quando quest'ultima non ha ricevuto notizie sulla bimba per una settimana, si è preoccupata e ha chiesto al compagno di andare a controllare cosa fosse successo.

In seguito, Anthony ha riferito alla polizia che la bimba, a causa della forte disidratazione, non riusciva nemmeno a piangere perché non produceva lacrime.

Chiedendosi dove fosse la nonna, è rimasto scioccato nel vederla stramazzata in bagno. Chiaramente, la donna era morta diversi giorni prima, apparentemente per cause naturali. 

Kues / Shutterstock.com

Anthony ha chiamato immediatamente la polizia e Brier è stata portata velocemente nell'ospedale più vicino, dove è stata curata per superare il grave stato di disidratazione e malnutrizione e ha cominciato presto a riprendersi. A tal proposito, Anthony ha dichiarato: 

Giorno per giorno diventa sempre più forte, sta sempre meglio. Sta tornando ad essere la bimba che era. Sorride e urla.

È una storia molto triste, ma sono felice che la mamma si sia preoccupata e abbia pensato di far andare il compagno a controllare.

così triste, ma allo stesso tempo così felice che sia sopravvissuta. che tenera la bimba ... spero che dimentichi e possa vivere una vita normale.

Sembra che il destino si sia accanito contro questa bimba. Forza mamma, è tempo di rimboccarsi le maniche e di prendersi cura di lei! Questo è un avvertimento.

È così triste ciò che è accaduto alla nonna!! Ma, grazie a dio, la piccola si sta riprendendo!! Mi auguro che le trovino un buon posto dove stare!!

È terrificante pensare a ciò che Brier deve aver dovuto affrontare per così tanti giorni. Ma, fortunatamente, questa storia ha avuto un lieto fine.

LEGGETE ANCHE: Queste tre regole d’oro vi aiuteranno a smettere di urlare ai vostri bambini

Fonte: Newser

Raccommandiamo