Otto abitudini sbagliate che possono fare molto male alla colonna vertebrale

Salute e Stile di vita

L’elemento più importante della nostra struttura corporea è la colonna vertebrale. Una delle differenze fondamentali tra l’homo sapiens e gli altri animali è la posizione verticale della spina dorsale. Tuttavia, suddetta posizione verticale crea una forte tensione muscolare.

La colonna vertebrale ci permette di stare dritti, di piegarci e di voltarci. Questa struttura ricopre e protegge il midollo spinale e fornisce dei punti di giuntura per i muscoli della schiena e le costole.

La spina dorsale è composta da un insieme di segmenti individuali noti con il nome di vertebre, collegate dai dischi intervertebrali e dai legamenti che agiscono da stabilizzatori e ammortizzatori.

I problemi e il dolore alla schiena sono causati solitamente dalle cattive abitudini che adottiamo. Qui vi diciamo quali sono:

1. Trasportare peso eccessivo in modo non uniforme

Se trasportiamo un peso maggiore di quello che può sostenere la nostra colonna vertebrale o peggio ancora se lo concentriamo su un lato solo (come ad esempio quando portiamo una borsa), la nostra struttura spinale potrebbe soffrirne e causare dolore al collo e alla zona lombare.

Soluzione: distribuire sempre il peso in modo uniforme su entrambi i lati del corpo.

2. Indossare i tacchi

I tacchi aggiungono molta pressione sulle anche e sulla colonna vertebrale dovendo sostenere l’intero corpo da un’altezza maggiore. I tacchi costringono la spina dorsale a disallinearsi e a spingere il corpo in avanti per mantenere l’equilibrio.

Soluzione: non indossare i tacchi.

3. Fissare i dispositivi elettronici

Quando siete in metropolitana o sull’autobus e tirate fuori il telefono o il tablet per leggere, giocare, digitare messaggi, ecc., usate i muscoli del collo per abbassare la testa, generando così una forte tensione sulla spina dorsale.

Soluzione: distraetevi dal vostro dispositivo, mantenetelo ad altezza degli occhi per non piegare troppo la testa o stirate il collo di tanto in tanto.

4. Dormire a faccia in giù

Dormendo in questa posizione, fate ricadere il peso sulla colonna vertebrale e tutta la tensione passa al collo e l’arco spinale.

5. Guardare troppa televisione

Vi sdraiate sul divano e appoggiate la testa sul bracciolo? Se sì, state sforzando il collo e disallineando la colonna vertebrale, causando dolore.

6. Sollevare oggetti pesanti

Se dovete sollevare un oggetto pesante dal pavimento, è meglio prima accovacciarsi, afferrare l’oggetto e rialzarsi mantenendo la schiena dritta finché le gambe non saranno distese. Se invece vi piegate in avanti per portare il peso, tendete e danneggiate i dischi spinali.

7. Adottare posizioni corrette per i lavori domestici

Molte persone tendono ad assumere posizioni di riposo quando sono all’impiedi per eseguire i lavori domestici. Facendo questo, la curva della colonna vertebrale diventa eccessiva, causano così disallineamento e tensione muscolare. Se siete stanchi, fate riposare un piede o un ginocchio su qualcosa di comodo, ma non sovraccaricate mai la colonna vertebrale.

8. Andare in bicicletta

Fate attenzione quando andate in bicicletta. Molte persone tendono a piegare il corpo in avanti, aggiungendo pressione alla colonna vertebrale. Questa posizione non è corretta e può causare infortuni.

Prima di eseguire qualsiasi esercizio, è meglio riscaldare i muscoli. Non dobbiamo dimenticare che la colonna vertebrale è il nostro sostegno e noi dobbiamo prendercene cura affinché continui a funzionare bene.

Fonte: Fonte: TIP HERO

LEGGETE ANCHE: 12 segnali d’aiuto lanciati dal corpo che sarebbe meglio non ignorare


Questo post ha scopi puramente informativi. Non intende sostituirsi al parere medico. Fabiosa Italia declina ogni responsabilità in merito a eventuali conseguenze derivanti da qualsiasi trattamento, procedura, esercizio fisico, cambiamenti dell’alimentazione, azione o applicazione di farmaci in seguito alla lettura delle informazioni contenute in questo post. Prima di sottoporsi a qualsiasi trattamento il lettore dovrebbe consultare il proprio medico curante o un altro operatore sanitario.