Winona Ryder da adolescente era vittima di bullismo. Anni dopo, la vita le ha offerto l'occasione di vendicarsi

NOTIZIE SULLE CELEBRITÀ

Winona Ryder da adolescente era vittima di bullismo. Anni dopo, la vita le ha offerto l'occasione di vendicarsi

Data 23 novembre 2017

Ultimamente le storie di bullismo a scuola stanno diventando sempre più comuni. Ma il bullismo scolastico non è un fenomeno recente. La storia di quando Winona Ryder era al liceo lo dimostra.

gettyimages

“Ero al liceo e indossavo una vecchia tuta da soldato dell'Esercito della Salvezza. Sono andata in bagno e ho sentito un gruppo di persone gridare: “Ehi, frocio”. Mi hanno sbattuto la testa contro un armadietto. Sono caduta a terra e hanno iniziato a prendermi a calci. Sono stata costretta a farmi mettere i punti." Sfortunatamente, Winona fu quella punita per le loro azioni. “La scuola cacciò me, non i bulli.”

winona ryder è quella stronza.

Poi quella ragazza arrabbiata è diventata una famosa attrice di Hollywood. Oggi è molto richiesta grazie al ruolo ottenuto in Stranger Things , la serie di Netflix. In un certo senso, già questa è una fantastica forma di vendetta. Ma non è tutto...

"Anni dopo, sono entrata in una caffetteria e ho incontrato una delle ragazze che mi aveva preso a calci, che ha detto: Winona, Winona, posso avere il tuo autografo? E io le ho chiesto: ti ricordi di me? Ricordi che in seconda media hai picchiato un ragazzino? Un po' scioccata, mi ha risposto: Più o meno... Poi Winona ha continuato: quella ero io. Andresti a fan****?”.

Questo aneddoto è incluso nella biografia dell'attrice, scritta da Nigel Goodall. Secondo il libro, l'episodio accadde in seconda media, il terzo giorno di lezioni, al Kenilworth Junior High di Petaluma. "Credo che pensassero fossi gay." A Winona piaceva tenere i capelli corti e indossare vestiti da ragazzo.

Anche quando disse ai bulli che era una ragazza, hanno continuato a prendersela con lei. Quel giorno, Winona ebbe le costole fratturate e sei punti in testa.

All'età di 17 anni, Winona ottenne il suo primo ruolo, nel film "Beetlejuice". Pensava che, dopo essere diventata famosa grazie a un film in cima alle classifiche di tutto il mondo, le cose a scuola sarebbero migliorate. Ma non è successo. Come conseguenza, i suoi compagni di classe le affibbiarono il soprannome "strega".

gettyimages

Ironia della sorte, qualche tempo dopo, le stesse ragazze che la molestavano l'hanno implorata di far loro un autografo (e lei ha rifiutato). La vita tesse i propri piani di vendetta. Alcuni lo chiamerebbero karma.

Fonte: Fonte: Huffington post

LEGGETE ANCHE: Un’insegnante utilizza la creatività per tutelare una studentessa dal bullismo