Il 70% delle donne è a rischio di fibromi uterini. Questa informazione potrebbe fare la differenza

Anche se i fibromi uterini non sono il primo argomento che viene menzionato alle donne quando si tratta della loro salute, dovrebbero essere tra i più conosciuti dal momento in cui circa il 70% delle donne ne saranno colpite durante la loro vita. Non c'è bisogno di preoccuparsi però, perché qui di seguito vi elencheremo le informazioni più importanti da sapere riguardo a questi tumori benigni:

1. I fibromi uterini sono molto comuni

Conosciuti anche come leiomioma o mioma, sono i tumori uterini più comuni. Un'indagine ha concluso che tra il 70 e l'80% delle donne ne saranno colpite nel momento in cui raggiungano i 50 anni di età. È più probabile però, che si presentino tra i 40 e 50 anni.

2. I fibromi non sono cancerogeni

I fibromi sono tumori benigni, tuttavia, possono causare sintomi simili a una forma rara di cancro chiamata sarcoma uterino. Sfortunatamente, gli scienziati non possiedono un modo affidabile per diagnosticare il sarcoma, tranne quando rimuovono i fibromi per via chirurgica.

3. Le donne afro-americane sono più predisposte ai fibromi

La loro probabilità di avere fibromi rispetto alle donne di altre etnie sono due o tre volte più alte. I fibromi si sviluppano inoltre più spesso in giovane età, quando acquisiscono dimensioni più grandi causando sintomi più gravi. I rischi di averli aumentano se non si è mai state incinte, se si è in sovrappeso o si ha un familiare che li ha avuti.

4. Molte donne non hanno i sintomi e non necessitano un trattamento

La maggior parte delle donne hanno fibromi ma non hanno sintomi, quindi non necessitano alcun trattamento. Devono comunque sottoporsi a osservazioni cliniche ogni tanto e discutere con i loro medici del piccolo rischio che esiste in caso siano affette da sarcoma uterino.

5. Sono la causa principale dell'isterectomia

Ogni anno negli Stati Uniti vengono eseguite più di 200.000 isterectomie, o asportazioni complete o parziali dell'utero, a causa di fibromi uterini. Oltre a rendere la donna sterile, la procedura ha i suoi rischi, perciò i medici lo raccomandano solo quando i fibromi sono molto dolorosi o quando il corpo non risponde ad altri trattamenti.

6. Ormai l'isterectomia non è più l'unica opzione di trattamento

Esistono numerosi trattamenti che vengono utilizzati per ridurre o rallentare la crescita dei fibromi, che comprendono: trattamenti ormonali, terapie ad ultrasuoni, miomectomie (che eliminano i fibromi lasciando intatto l'utero). Se i fibromi non richiedono l'asportazione, si consigliano altri trattamenti per alleviare sintomi come l'ibuprofene, le pillole anticoncezionali o l'ablazione.

7. Il sintomo più comune è un flusso mestruale pesante

Molto, molto abbondante, a volte anche con coaguli di sangue. Possono anche causare perdite di sangue tra una mestruazione e l'altra, la necessità di urinare frequentemente, crampi pelvici, addome infiammato o rapporti sessuali dolorosi.

8. Rimanere incinta non è impossibile (ma bisogna aspettarsi di andare incontro a delle difficoltà)

Alcuni studi indicano che certi tipi di fibromi uterini possono modificare le dimensioni e la forma dell'utero, il ché può influire sulla capacità di una donna di rimanere incinta. Alcuni esperti però, sostengono che i fibromi causano solo l'1 o il 2% dei casi di infertilità.

9. Gli scienziati non sanno ancora per quale motivo si sviluppano

Ricerche recenti indicano che l'impatto di ormoni come estrogeno e progesterone causa fibromi, poiché questi tumori compaiono raramente prima della prima mestruazione e dopo la menopausa. Lo stress, il cibo e altri fattori ambientali possono anche svolgere un ruolo importante nello sviluppo dei fibromi uterini.

Queste informazioni sono molto preziose! Eravate a conoscenza delle caratteristiche dei fibromi uterini? Non dimenticate di condividere l'articolo con familiari e amici!

 

Fonte: Women’s Health Magazine


Questo articolo ha scopi puramente informativi. Non utilizzare automedicazioni e, in ogni caso, consultare sempre un professionista sanitario qualificato prima di utilizzare qualsiasi informazione presentata nell'articolo. Il comitato editoriale non garantisce alcun risultato e non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni che possano risultare dall'utilizzo delle informazioni fornite in questo articolo.