È la salute del bambino a determinare il colore del latte materno

VITA REALE

È la salute del bambino a determinare il colore del latte materno

Date March 14, 2018 01:30

Il corpo umano è molto ben strutturato dalla natura. Su questo non c'è dubbio, specialmente quando vediamo le cose meravigliose che è in grado di fare. L'esempio migliore è quello di una madre, che durante il processo dell'allattamento ha la capacità di adattare la produzione di latte in modo che abbia tutte le proprietà di cui il bambino ha bisogno per riprendersi in caso di influenza o quando gli si abbassano le difese immunitarie.

Sokolava Maryna/Shutterstock.com

È come se il corpo materno fosse dotato di un sensore artificiale capace di analizzare e studiare lo stato di salute del bambino. Non è qualcosa che si possa produrre in laboratorio, è naturale al 100%, ma avviene solo nel corpo femminile.

Dmytro Mykhailov/Shutterstock.com

Quando un bambino viene allattato lascia tracce di saliva sul seno della madre. Questa saliva non contiene solo informazioni sul DNA del piccolo ma anche sui suoi valori e fa in modo che il corpo della madre riesca a capire se il figlio ha bisogno di maggiori sostanze nutritive o di altri elementi che lo possano mantenere sano.

Joana Lopes/Shutterstock.com

Quando il bambino si ammala, il corpo della madre lo percepisce e inizia quindi a produrre un latte con più anticorpi che aiuterà il bambino a combattere qualsiasi influenza, asma o persino diarrea. I valori di cui il bambino ha bisogno gli vengono passati dal corpo della madre attraverso l'allattamento. È per questo motivo che è stata lanciata una campagna internazionale affinché le madri nel mondo intero si rendessero conto dell'importanza che ha il bellissimo atto di nutrire i loro figli in questo modo molto naturale.

Recentemente, su una pagina Facebook che promuove l'allattamento, è stata pubblicata la seguente foto, che dimostra la differenza che c'è tra il latte che una madre produce quando il suo bambino è sano e quando non lo è.

Nel caso in cui ci fossero ancora dubbi, nel 2016 una donna negli Stati Uniti ha condiviso una foto molto simile che è diventata virale. Mostra il cambiamento nel colore del latte che ha dato a suo figlio. Mallory Smothers ha pubblicato a febbraio di due anni fa una foto con il latte materno che dava a suo figlio prima e dopo che si ammalasse di influenza. Come nella prima foto che abbiamo pubblicato, la differenza è evidente e incredibile. Prima che si ammalasse il bambino, il latte era di colore bianco, mentre in seguito è diventato giallastro per via della quantità di elementi che il corpo di Mallory ha aggiunto, contribuendo così a migliorare la salute di suo figlio.

In caso di dubbi sull'importanza del latte materno o se si volessero maggiori informazioni a riguardo, si consiglia di rivolgersi al proprio medico di fiducia. Nel frattempo, si possono anche leggere in rete vari articoli sull'argomento. Esistono pagine Facebook e blog che pubblicano informazioni sui benefici dell'allattamento.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità, nota anche come OMS, suggerisce che le madri allattino i loro figli fino ai 6 mesi dopo la nascita, ma raccomandano anche di estendere tranquillamente l'allattamento fino all'età di 2 anni.

Non c'è dubbio, il corpo delle donne è fatto per procreare. Oltre a mettere al mondo i loro figli, il loro corpo ha anche la capacità di proteggerli e di mantenerli sani nutrendoli. In questo mese della donna, cogliamo l'occasione per dedicare loro il rispetto dovuto e suggeriamo a tutte le nuove mamme di ricordarsi quanto sia importante l'allattamento per la salute del proprio figlio, che in questo modo potrà crescere ancora più sano e forte.

Fonte: Babysitio, Lactemos / Facebook


Questo articolo ha scopi puramente informativi. Non utilizzare automedicazioni e, in ogni caso, consultare sempre un professionista sanitario qualificato prima di utilizzare qualsiasi informazione presentata nell'articolo. Il comitato editoriale non garantisce alcun risultato e non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni che possano risultare dall'utilizzo delle informazioni fornite in questo articolo.