Occhi di pernice, che cosa sono, sintomi, cause e trattamenti

Quando si parla di occhi di pernice si fa riferimento a una verruca plantare a cui è stato attribuito questo nome a causa della sua somiglianza con l'occhio di una pernice.

Si tratta di una lesione semplice, per la quale non c'è motivo di preoccuparsi troppo, che si forma sulla pianta del piede ragione per la quale causa disagio quando si poggia il piede e soprattutto si cammina. Il corpo tende a formare calli per prevenire la diffusione di queste verruche in altre zone del corpo, condizione che provoca ulteriore dolore.

Galileo30 / Shutterstock.com

Le verruche plantari o occhi di pernice sono innocui e possono scomparire anche senza trattamento, ma il dolore e il disagio arrecati non si possono ignorare così facilmente.

Quali sono le cause?

Migren art / Shutterstock.com

Come qualsiasi altro tipo di verruca, gli occhi di pernice sono causati da un virus che invade la pelle attraverso piccoli tagli o escoriazioni. Dalla contaminazione iniziale, le verruche possono metterci settimane o mesi ad apparire. Esattamente come altre infezioni virali, le verruche plantari sono contagiose e comunemente diffuse nelle piscine pubbliche, docce comuni, palestre o persino la doccia della vostra casa.

  • L'età. Poiché la maggior parte delle persone creano l'immunità contro il virus nel corso del tempo, le verruche plantari sono più comuni nei bambini che negli adulti. Sono anche comuni nelle persone che hanno un sistema immunitario debole, come quelle affette da HIV/AIDS che assumono corticosteroidi o farmaci immunosoppressori.

Anna Grigorjeva / Shutterstock.com

  • Lo stress è un'altra possibile causa perché influisce direttamente sulla qualità della vita in maniera negativa e ciò favorisce una tendenza all'infezione. Uno dei modi per prevenire l'occhio di pernice sul piede è quello di condurre uno stile di vita sano e con il minor stress possibile. 

KieferPix / Shutterstock.com

  • Gli antibiotici possono a loro volta essere una causa della sua apparizione, dal momento che possono ridurre le difese immunitarie, rendendoci più vulnerabili alla comparsa di queste lesioni.

Tibor Duris / Shutterstock.com

Sintomi

I sintomi delle verruche plantari includono:

  • Crescite piccole e irregolari sulla pianta dei piedi, a volte con piccole macchie nere sulla superficie.
  • Dolore nella pianta dei piedi quando si è in piedi o quando si cammina.

Quando recarsi dal dottore?

Billion Photos / Shutterstock.com

  • L'assistenza medica deve essere richiesta se la zona diventa rossa, calda, dolorosa e sensibile dopo il trattamento, in quanto ciò potrebbe segnalare un'infezione.

Arkom Suvarnasiri / Shutterstock.com

  • Se non si è sicuri che si tratti di un occhio di pernice dato che possono anche comparire altre lesioni cutanee più gravi. La cosa migliore è in ogni caso recarsi dal medico in modo che possa informarvi lui stesso in seguito alla sua diagnosi.

Trattamenti

Per prima cosa bisogna identificare se la lesione corrisponde davvero ad un occhio di pernice. Se la zona in questione è gonfia, la pelle è gialla e ha un punto nero nel mezzo, è probabile che lo sia.

Spesso, i farmaci e gli unguenti che contengono acido acetilsalicilico sono sufficienti per ridurre la lesione ed eliminare il virus che lo causa. Devono però essere prese precauzioni in modo che il medicinale non abbia contatto con il resto della pelle.

Doro Guzenda / Shutterstock.com

Altre tipologie di trattamenti si concentrano sull'eliminazione della verruca. È importante che se ne occupi un professionista, non bisogna in nessuna circostanza cercare di scalfire una verruca plantare o lesionarla perché, oltre al dolore conseguente, i tagli nella pelle possono causare la diffusione della lesione con la formazione di ulteriori verruche.

Ricordarsi che prima di iniziare qualsiasi tipo di trattamento è essenziale parlarne con un medico, perché solo lui può decidere le misure esatte per ogni caso specifico.

Fonte: Overfitt, WebMD


Questo articolo ha scopi puramente informativi. Non utilizzare automedicazioni e, in ogni caso, consultare sempre un professionista sanitario qualificato prima di utilizzare qualsiasi informazione presentata nell'articolo. Il comitato editoriale non garantisce alcun risultato e non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni che possano risultare dall'utilizzo delle informazioni fornite in questo articolo.