Conosci il prolasso uterino? Eccone le cause, i sintomi, le cure e le complicazioni

Il prolasso uterino può capitare a donne di qualsiasi età. Anche se spesso colpisce, dopo la menopausa, le donne che hanno avuto uno o più parti vaginali.  

Voyagerix / Shutterstock.com

Il prolasso uterino si presenta quando i muscoli e i legamenti del pavimento pelvico si allungano e indeboliscono e, di conseguenza, non rappresentano più un sostegno sufficiente per l'utero. Come risultato, l'utero scivola o esce dalla vagina.

Quando il prolasso uterino è lieve, generalmente non richiede cure, ma se si avverte disagio o interrompe la vita normale, è necessario ricorrere ad un aiuto medico.

Sintomi.

Emily frost / Shutterstock.com

Il prolasso uterino lieve generalmente non produce sintomi o segnali. Tuttavia, alcuni sintomi del prolasso uterino moderato o grave includono:

  1. sensazione di pesantezza alle pelvi;
  2. tessuto che sporge dalla vagina;
  3. problemi urinari, come perdita di urina (incontinenza) o ritenzione di urina;
  4. problemi a defecare;
  5. sensazione di qualcosa che cade dalla vagina;
  6. problemi sessuali, nello specifico inconsistenza nell'elasticità del tessuto vaginale.

Spesso i sintomi sono meno fastidiosi al mattino e peggiorano man mano che la giornata va avanti.

Quando rivolgersi al medico?

RossHelen / Shutterstock.com

Quando i segnali e i sintomi del prolasso uterino diventano fastidiosi e interrompono le normali attività. Inoltre, ti accorgerai che la tua vita sarà influenzata dalle sensazioni tanto strane che provoca.

Qual è la causa del prolasso uterino?

Andrey_Popov / Shutterstock.com

Il prolasso uterino è il risultato dell'indebolimento dei muscoli pelvici e dei tessuti di sostegno. Le cause dell'allungamento irreversibile di questi muscoli e dei tessuti pelvici indeboliti includono:

  1. parto indotto o trauma durante il parto;
  2. parto di un bambino di grosse dimensioni;
  3. essere sovrappeso o obese;
  4. minore livello di estrogeni dopo la menopausa;
  5. stipsi cronica o sforzo nella defecazione;
  6. tosse o bronchite cronica;
  7. ripetizione di lavori pesanti.

Come viene diagnosticato il prolasso uterino?

Il medico dovrà valutare tutti i sintomi e, attraverso un esame pelvico, determinerà se la donna ne soffre o meno. Durante questo esame, verrà inserito un dispositivo chiamato speculum, che permette allo specialista di vedere l'interno della vagina ed esaminare il canale vaginale e l'utero.

Qual è la cura?

Aleksandr Lupin / Shutterstock.com

Non sempre è necessario curare questo disturbo: lo si fa solo nei casi moderati o gravi. I trattamenti non chirurgici comprendono il perdere peso per eliminare la tensione delle strutture pelviche, evitare di sollevare oggetti pesanti ed eseguire gli esercizi di Kegel.  

I trattamenti chirurgici includono la sospensione dell'utero, nella quale il chirurgo colloca l'utero nella sua posizione originaria tornando ad unire i legamenti pelvici, o l'isterectomia.

Il prolasso uterino grave può spostare parte del rivestimento vaginale, portandolo a sporgere all'esterno del corpo. Quando questo succede, il tessuto vaginale rimane in contatto con gli indumenti e può provocare ulcere vaginali. In rare occasioni, le piaghe possono infettarsi.

Prevenzione.

Anche se tutto è diverso a seconda della donna e dello stato della sua condizione, alcune misure che si possono adottare per prevenire il collasso uterino sono:

  1. eseguire regolarmente gli esercizi di Kegel. Si tratta di esercizi che aiutano a rafforzare i muscoli del pavimento pelvico, soprattutto dopo aver avuto un bambino. Inoltre, curano e prevengono la stipsi;
  2. bere molti liquidi e mangiare alimenti ricchi di fibre, come frutta, verdura, fagioli e cereali integrali;
  3. evitare di sollevare oggetti pesanti e sollevarli con la postura corretta. Inoltre, al rialzarsi, usare le gambe anziché la schiena.
  4. evitare di aumentare troppo di peso. È importante definire il tuo peso ideale con il medico o il nutrizionista.

Anche se non è molto noto come disturbo, vengono riportati molti casi di prolasso uterino. È fondamentale tenere presente come prevenirlo e se già ne soffri, non preoccuparti! Con i progressi della medicina ginecologica e ostetrica, puoi riuscire ad avere una buona qualità di vita. Ricorda soltanto di rivolgerti al tuo ginecologo di fiducia per farti consigliare la cura ideale.


Questo articolo ha scopi puramente informativi. Non utilizzare automedicazioni e, in ogni caso, consultare sempre un professionista sanitario qualificato prima di utilizzare qualsiasi informazione presentata nell'articolo. Il comitato editoriale non garantisce alcun risultato e non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni che possano risultare dall'utilizzo delle informazioni fornite in questo articolo.

Raccommandiamo