7 consigli per evitare cattivi odori o rumori quando si sente il bisogno di andare in bagno e non si è in casa propria

Nessuno può evitare la tipica situazione di trovarsi in casa di qualcuno e sentire l'inevitabile desiderio di andare di corpo. Sarebbe estremamente facile chiedere di usare il bagno, fare i propri bisogni e poi andarsene come se nulla fosse. Vero? Invece no, le regole sociali non scritte, che esistono solo nella nostra mente, rendono l'atto di defecare una cosa negativa e "sporca", così che la maggior parte della gente si imbarazza a farlo in casa degli altri.

È come se nessuno di noi facesse questa "attività" durante il giorno, come se fosse un atto da marziani o qualcosa del genere, quando, in realtà, la maggior parte delle persone fa i bisogni in media una o due volte al giorno.

Come fare per liberare l'intestino in casa di qualcuno senza lasciare odori e senza fare rumore?

Oggi vi presentiamo qui di seguito sette semplici consigli che vi aiuteranno:

1. Non bisogna trattenersi per troppo tempo

Più velocemente si va in bagno quando se ne sente il bisogno, meglio è. Con il passare del tempo continueranno ad accumularsi più flatulenze e più materia fecale. Inoltre, il ventre avrà più pressione del normale, cosa che probabilmente si tradurrà in rumori e odori al momento di andare in bagno.

2. "Preparare" il bagno correttamente

Quando si entra in bagno, la prima cosa che si dovrebbe fare è assicurarsi che ci sia abbastanza carta igienica, sapone e persino una spazzola per WC e un stura lavandino (nel caso le cose si complicassero). È molto importante eseguire questo passo prima di sedersi a defecare, perché una volta iniziato quest'atto non si è più in grado di chiedere nulla a nessuno.

3. Liberarsi della flatulenza per prima cosa

Più aria si rilascia per strada, meglio è. Di norma, quando si è seduti sul water, qualsiasi suono tende ad essere molto più amplificato. Se ci si libera quindi della flatulenza prima di sedersi per defecare, si potrà limitare in buona parte la fuoriuscita di gas mentre si è seduti sul water.

4. Sedersi coprendo l'intera tavoletta del water

Sedersi con le gambe unite che coprono l'intero sedile del water è molto meglio, dato che i buchi da dove potrebbero sfuggire alcuni suoni e persino il cattivo odore dei gas, saranno tappati.

5. Usare il ciclo respiratorio a proprio favore

Idealmente, dovreste respirare lentamente e lasciare uscire il "prigioniero" solo quando si è nel ciclo di espirazione, in questo modo si potrà ridurre la pressione addominale e la probabilità di rumori imbarazzanti.

6. Non bisogna fare sforzi

Gestire il momento senza pressione, lasciare che la materia fecale esca naturalmente. In questo modo il processo sarà più fluido e ci sarà una sensazione di sollievo quando quel peso supplementare avrà lasciato il corpo.

7. Non bisogna alzare il coperchio del gabinetto finché non si esce dal bagno

Questa tattica aiuterà a mantenere l'odore sgradevole dei gas all'interno del water; approfittare di questo momento per lavarsi le mani, guardarsi allo specchio e sistemarsi. Questo vi farà perdere un po' di tempo mentre l'odore svanisce completamente dal bagno. Ci si sono delle finestre o un aspiratore non esitare a farne uso. Approfittare di tutti gli alleati che si trovano nel bagno e che possono essere d'aiuto.

Essere a conoscenza di questi metodi permetterà di essere più sicuri di sé quando si sentirà il bisogno di andare in bagno e si è in casa di qualcuno, in una riunione o anche semplicemente in giro a passeggiare.

Metteteli in pratica e vi renderete conto che questi semplici passaggi funzionano davvero e possono salvarvi da più di una situazione imbarazzante quando siete lontani da casa.

Fonte: Nadie te lo explica


Questo materiale è offerto a puro titolo informativo. Alcuni dei prodotti e oggetti presentati in questo articolo possono provocare reazioni allergiche o nuocere alla salute. Prima dell’uso, consultare un tecnico/specialista certificato. Il comitato editoriale non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni o altre conseguenze che possano derivare dall’uso di metodi, prodotti od oggetti presentati in questo articolo.