L'eccesso di grasso nella zona addominale, oltre ad essere antiestetico potrebbe anche indicare gravi malattie

Se pensate che un addome molto pronunciato sia un problema puramente estetico, vi sbagliate. In effetti, non è infrequente che un eccessivo accumulo di grasso addominale sia un sintomo di alcune condizioni di salute o di una pericolosa malattia che può influire sul benessere fisico e sulla vita in generale.

Se si ha una pancia pronunciata e molte difficoltà a perderla, è possibile che si abbia una delle seguenti malattie pericolose o uno dei seguenti problemi di salute:

1. Ipotiroidismo.

Questo squilibrio ormonale rallenta il metabolismo e di conseguenza genera un aumento di peso. Quando la tiroide non funziona come dovrebbe, il corpo inizia a immagazzinare sempre più grasso, che si accumula nella zona addominale.

L'ipotiroidismo può però anche causare un aumento di peso in modo indiretto; ad esempio, le persone che soffrono di questo squilibrio sono spesso molto stanche, il che le costringe a ridurre la loro attività fisica. Tendono inoltre ad essere più ansiose, cosa che spesso le fa mangiare più dolci e panini.

2. Diabete.

Avere tanto grasso nella zona dell'addome non significa necessariamente che si soffra di diabete. Un aumento di peso considerevole a causa di uno squilibrio alimentare può tuttavia causare questa malattia.

Il diabete può anche svilupparsi in maniera insidiosa aumentando progressivamente la resistenza all'insulina, che è l'ormone che regola i livelli di zucchero nel sangue e il loro accumulo. Di conseguenza, il corpo dovrà produrre quantità crescenti di questo ormone fino a quando non diventa diabete.

Piotr Adamowicz / Shutterstock.com

3. Ipercolesterolemia.

Una dieta povera può essere all'origine di un elevato aumento del colesterolo. Infatti, il colesterolo in eccesso nel corpo, chiamato ipercolesterolemia, può causare un aumento di peso.

Quando consumiamo cibi ad alto contenuto di grassi, il nostro fegato, responsabile della degradazione dei grassi e della loro conversione in colesterolo, non può svolgere bene le sue funzioni e il colesterolo non viene evacuato correttamente. Di conseguenza, il grasso si accumula nel corpo e nelle arterie, il che aumenta significativamente il rischio di malattie cardiovascolari.

4. Steatoepatite non alcolica.

Mangiando cibi con un contenuto zuccherino molto alto generiamo un picco di zucchero nel sangue che favorisce in modo significativo lo stoccaggio di grandi quantità di grassi, principalmente nella zona dell'addome.

A peggiorare le cose, il consumo eccessivo di glucosio può causare steatoepatite non alcolica, che è un tipo di cirrosi epatica fortemente legata all'insulino-resistenza.

5. Mancanza di controllo ormonale.

Le donne e gli uomini sopra i 60 anni di solito hanno una "pancia" più grande dei giovani. Questo fenomeno è associato a un cambiamento ormonale: la produzione di cortisolo, nel caso delle donne, e la diminuzione della produzione di testosterone nel caso degli uomini; in entrambi i casi ciò facilita la conservazione del grasso.

Nelle persone di età inferiore, immagazzinare il grasso nell'addome per nessuna ragione apparente potrebbe essere dovuto a uno squilibrio prematuro di questi ormoni.

Adesso lo sapete. Se i problemi a ridurre le dimensioni dell'addome vanno al di là della mancanza di esercizio fisico e di abitudini alimentari sane, si consiglia di consultare il medico in modo da escludere queste malattie.

Fonte: Medisite, Doctissimo, Doctissimo


Questo articolo ha scopi puramente informativi. Non utilizzare automedicazioni e, in ogni caso, consultare sempre un professionista sanitario qualificato prima di utilizzare qualsiasi informazione presentata nell'articolo. Il comitato editoriale non garantisce alcun risultato e non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni che possano risultare dall'utilizzo delle informazioni fornite in questo articolo.