"O ti copri o scendi": giovane viene intimidita e mortificata su un volo aereo per i suoi vestiti azzardati

Notizie

April 15, 2019 15:05 By Fabiosa

Di recente, alcune compagnie aeree hanno causato scandalo per il modo in cui trattano i passeggeri: alcune sono state accusate di vendere più posti di quelli effettivamente presenti sul mezzo, altre di non sapere assecondare le esigenze dei clienti. La compagnia inglese Thomas Cook è solo l'ultima in ordine di tempo.

Una passeggera si è infuriata dopo che l'equipaggio l'ha umiliata e obbligata aggrssivamente a coprire il top scollato che stava indossando, prima di imbarcarsi. Lo staff ha spiegato che il suo abbigliamento 'era oltraggioso' e che, se non si fosse cambiata, sarebbe stata costretta a scendere dal mezzo.

LEGGETE ANCHE: Accusata di puzzare, una famiglia viene fatta scendere da un aereo

Stiamo parlando di Emily O'Connor, da Solihull (Inghilterra), che, assieme ad altri sei amici, stava per imbarcarsi da Birmingham a Tenerife. Il gruppo era pronto a trascorrere le vacanze alle isole Canarie, ma l'euforia è stata spezzata dalla pessima esperienza avuta con l'equipaggio della compagnia aerea Thomas Cook.

La 21enne ha detto di essersi sentita umiliata quando quattro membri dell'equipaggio l'hanno circondata, esigendo che coprisse il suo top azzardato, inadeguato e offensivo; qualora avesse rifiutato, sarebbe stata cacciata dall'aereo.

Inoltre, un altro passeggero le avrebbe urlato di stare zitta e di mettersi una giacca, chiamandola perfino 'patetica'. Nessuno avrebbe fatto nulla per difenderla, nemmeno gli assistenti di volo.

LEGGETE ANCHE: Cacciati dall'aereo per non aver ceduto il sedile del figlio di 2 anni: coppia racconta la snervante esperienza

Per non ritardare ancora di più la partenza, Emily si è infilata la giacca di un'amica, ma non prima di scoppiare a piangere di rabbia. Aveva attraversato tutto l'aeroporto vestita in quel modo e nessuno le aveva detto nulla.

La compagnia ha riconosciuto di aver esagerato e ha spiegato che, sebbene non abbia agito nella forma più corretta, il comportamento della giovane e dei suoi amici ha lasciato a tutti l'amaro in bocca.

Moltissime donne hanno solidarizzato con Emily sui social networks, mostrando il loro disappunto nei confroniti della Thomas Cook. Non c'era un modo migliore per chiedere alla giovane di coprirsi? Era davvero necessario umiliarla?

Voi che opinione avete su questa vicenda? Credete che la compagnia aerea abbia fatto la scelta giusta? La ragazza aveva un abbigliamento inadeguato per salire in aereo oppure no?

LEGGETE ANCHE: Una mamma indignata racconta che al suo bimbo è stato vietato di piangere su un volo in business class