Un uomo e la sua compagna sono stati condannati per aver ucciso un bambino credendo che fosse gay

Un uomo californiano è stato condannato a morte per aver assassinato un bambino dopo averlo torturato pensando che fosse omosessuale. Anche la madre è stata condannata: non a morte, nel suo caso, ma all'ergastolo. 

Il giudice George Lomeli ha condannato l'uomo di trentasette anni, Isauro Aguirre, per l'omicidio di un bambino di otto anni, Gabriel Fernández. 

CBS Los Angeles / YouTube

Anche la madre del bambino, Pearl Sinthia Fernández, di trentaquattro anni, è stata dichiarata colpevole di omicidio e condannata all'ergastolo. Aguirre era il compagno di Pearl.

CBS Los Angeles / YouTube

Gabriel è morto nel maggio 2013 a Palmdale, a nord di Los Angeles. Le indagini indicano che il minore è morto a causa di una frattura del cranio, aveva dodici costole rotte ed era anche stato obbligato a mangiare feci di gatto.

Il giudice ha sentenziato:

Quello che hanno fatto è orribile, disumano e caratterizzato da una tremenda crudeltà.

CBS Los Angeles / YouTube

È inimmaginabile il dolore provato da questo bambino. Gabriel era un ragazzino generoso e affettuoso e chiedeva solo di essere amato.

Durante il processo si è scoperto che ad Aguirre piaceva torturare le persone e che aveva abusato sistematicamente di Gabriel perché pensava che fosse gay. 

CBS Los Angeles / YouTube

Il padre biologico, in prigione per rapina, assicura di essere dispiaciuto e ha dichiarato: 

Voglio far sapere che mi dispiace molto, soprattutto alla mia famiglia. Vorrei che Gabriel fosse vivo e tutti i giorni penso che avrei dovuto fare scelte migliori.

In California la pena di morte è legale e, attualmente, ci sono più di 740 persone nel "braccio della morte" che attendono l'esecuzione della loro sentenza. 

Le indagini sono ancora in corso per capire quali altre persone siano coinvolte negli abusi subiti da Gabriel. 

CBS Los Angeles / YouTube

Questa è davvero una storia orribile: nessun bambino dovrebbe mai vivere qualcosa di simile. Ora Gabriel è in un luogo più pacifico, lontano dai terribili adulti con cui ha avuto la disgrazia di condividere la sua breve vita. Per favore, cerchiamo di essere buoni con i bambini e con le persone che ci circondano. 

Il mondo merita esseri umani migliori che ne facciano un posto migliore. 

Fonte: Nbcnews

Raccommandiamo