Guida definitiva sulla trombosi: cos'è, come identificarla e come curarla

Salute e Stile di vita

Il termine trombosi deriva dalla parola greca thrómbos (coagulo di sangue) + osis (condizione). La trombosi si verifica quando questi coaguli si formano nelle vene o nelle arterie, bloccando o interrompendo il flusso sanguigno nella zona interessata o, nel peggiore dei casi, persino raggiungendo i polmoni e causando quella che comunemente viene chiamata embolia polmonare.

Ci sono due tipi di trombosi:

- Trombosi arteriosa: i coaguli di sangue si formano nelle arterie cerebrali e femorali. È considerata la più pericolosa poiché blocca il flusso sanguigno e l'ossigenazione: ciò può causare ictus e anche portare alla morte.

- Trombosi venosa profonda (TVP): i coaguli si formano all'interno delle vene, più frequentemente nelle gambe e in zone dove il sangue può diventare stagnante. Esiste il rischio che possa raggiungere il cuore e i polmoni causando l'embolia polmonare.

Sintomi:

  • Dolore alle gambe 
  • Sensazione di bruciore alle gambe
  • Colore rossastro o bluastro nella zona interessata 
  • Gonfiore 
  • Vene varicose

Come prevenirla:

La prevenzione, come per qualsiasi altra malattia, sta nell'acquisire abitudini sane: seguire una dieta equilibrata (indifferentemente che uno sia magro o obeso), praticare frequentemente attività fisica, evitare alcool, fumo, mantenere un peso forma, fare attenzione quando si assumono pillole contraccettive, controllare la pressione sanguigna, i livelli di colesterolo e di glucosio.

Anche se la Giornata Mondiale del Donatore di Sangue è ormai passata, ci sono molte ragioni per continuare a donare il sangue

Come curarla:

Il trattamento della trombosi arteriosa avviene tramite l'assunzione di farmaci trombolitici, che hanno l'effetto di sciogliere i coaguli. Un'altra opzione è l'intervento chirurgico, soprattutto quando è necessario sbloccare l'arteria interessata.

Il trattamento della trombosi venosa profonda avviene mediante anticoagulanti e altri medicinali. A seconda del caso, è necessario sottoporsi a intervento chirurgico per impiantare "filtri" nell'addome che impediscono ai coaguli di sangue di spostarsi verso i polmoni. Inoltre, l'uso di calze a compressione graduata è raccomandato come mezzo per migliorare la circolazione.

Terapie alternative:

La trombosi è una malattia grave che richiede un trattamento convenzionale anche se, se lo si desidera, è possibile sottoporsi contemporaneamente a terapie alternative. Agopuntura e fiori di Bach sono piuttosto popolari per aiutare ad alleviare i sintomi.

Una dieta adeguata:

Alcuni alimenti possono contribuire al miglioramento della circolazione sanguigna. Anche senza prove scientifiche si consiglia di inserire succo di lime, zenzero, aglio, rosmarino, ginkgo biloba e pepe di cayenna alla dieta.

LEGGETE ANCHE: Nove fattori che aumentano il rischio di trombosi venosa profonda


Questo post ha scopi puramente informativi. Non intende sostituirsi al parere medico. Fabiosa Italia declina ogni responsabilità in merito a eventuali conseguenze derivanti da qualsiasi trattamento, procedura, esercizio fisico, cambiamenti dell'alimentazione, azione o applicazione di farmaci in seguito alla lettura delle informazioni contenute in questo post. Prima di sottoporsi a qualsiasi trattamento il lettore dovrebbe consultare il proprio medico curante o un altro specialista.