Commovente! Ecco perché questi medici si inchinano di fronte ad un bimbo di 11 anni

PSICOLOGIA

Commovente! Ecco perché questi medici si inchinano di fronte ad un bimbo di 11 anni

Date October 24, 2018 18:54

Un bambino è diventato l'eroe di un'intera equipe di medici! Aveva solo 11 anni quando è morto per un tumore cerebrale. Ma la sua scomparsa non è stata emozionante quanto il suo ultimo desiderio: quello di donare tutti gli organi!

Questa attitudine ha commosso così tanto i dottori che questi si sono inchinati in segno di reverenza nel giorno della sua morte. Il piccolo si chiamava Liang Yaoyi, studente modello di Shenzhen, in Cina. A Liang era stato diagnosticato il cancro a 9 anni, quando si è recato dal medico perché si sentiva debole ed intontito.

LEGGETE ANCHE: Tumore al cervello: 13 segnali d'allarme e sintomi

La notizia del tumore cerebrale ormai in fase terminale è stato un durissimo colpo per la famiglia.

Ma, nonostante si sapesse che le possibilità di sopravvivenza erano praticamente nulle, il buon cuore del piccolo l'ha spinto a confessare alla madre l'intenzione di donare gli organi.

Li Qun, la mamma, ha dichiarato in un'intervista che il figlio le aveva detto:"Ci sono molte persone che compiono grandi azioni nel mondo. Sono meravigliose, e anch'io voglio essere un bambino del genere"; ha anche aggiunto che quello sarebbe stato il suo modo di sopravvivere in un'altra forma!

Dottori cinesi si inchinano di fronte ad un bambino di 11 anni con tumore al cervello che ha salvato numerose vite donando gli organi. Il desiderio di Lianh Yaoyi di diventare donatore ha commosso così tanto la squadra medica che tutti gli hanno fatto un inchino di riverenza nel giorno della morte.

I professori del bimbo hanno commentato che lui aveva saputo della possibilità di donare gli organi proprio durante le lezioni. Come un vero eroe, Liang Yaoyi è stato elogiato da tutti i medici che hanno avuto l'onore di conoscerlo.

LEGGETE ANCHE: Per i medici era intollerante al glutine: piccola di 18 mesi muore per un tumore al cervello

Eroe dopo la morte

Sappiamo quanto sia difficile vedere una persona cara essere portata via da una malattia, mal'atto di nobilità del donare gli organi può contribuire a salvare molte altre vite. 

È il caso della modella, youtuber, blogger e digital influencer brasiliana Nara Almeida, che ha lottato con tenacia contro un tumore all'intestino molto aggressivo, ma ha perso la sua battaglia all'inizio del 2018.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Nara Almeida (@almeidanara) in data:

Uno dei suoi ultimi desideri era che i suoi organi fossero donati e, anche dopo la scomparsa, ha continuato ad ispirare ed emozionare molte persone con il suo comportamento.

Lo stesso è capitato al cantante funk di Rio de Janeiro, Mr Catra, morto per un cancro allo stomaco. La famiglia ha autorizzato la donazione di organi, ed una bambina ha potuto recuperare la vista grazie alle sue cornee.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Mr Catra (@mrcatrareal) in data:

Il Brasile è tra i Paesi del mondo con il maggior numero di donazione di organi! Secondo una ricerca del governo brasiliano, negli anni 2016 e 2017 sono stati registrati 55 mila casi di trapianto.

Speriamo che più persone decidano di compiere questo atto, così da dare speranza a chi può ancora farcela!

LEGGETE ANCHE: Tumore cerebrale: otto sintomi per stare in guardia e rivolgersi subito al medico