Meningite: perché si verifica e i sintomi da tenere sotto controllo

Salute e Stile di vita

La meningite è l'infiammazione delle meningi (le membrane che rivestono il cervello e il midollo spinale) ed è spesso causata da infezioni virali, meno comunemente da batteri, funghi, parassiti o alcune terapie (ad esempio alcuni tipi di terapie contro il cancro). La meningite è una condizione pericolosa per la vita e richiede immediata assistenza medica. Se non trattata in modo tempestivo, può provocare danni cerebrali e addirittura la morte.

Per svilupparne i sintomi ci vogliono diverse ore o pochi giorni. All'inizio possono sembrare una semplice influenza.

I sintomi che si posso riscontrare negli adulti e nei bambini di due anni comprendono: 

  • improvvisa febbre alta;
  • emicrania severa che è diversa dai mal di testa che hai provato in precedenza;
  • torcicollo;
  • nausea e/o vomito;
  • confusione, disorientamento e problemi di concentrazione;
  • sdoppiamento della vista;
  • convulsioni;
  • sensibilità alla luce intensa;
  • sonnolenza;
  • perdita di appetito e diminuzione della sete;
  • eruzione cutanea (caratteristica solo di alcuni tipi di meningite).

I sintomi nei neonati e  nei bimbi piccoli sono: 

  • febbre alta;
  • pianto costante;
  • sonnolenza o irritabilità;
  • letargia;
  • scarso senso della fame;
  • un rigonfiamento nella zona molle sulla sommità della testa (fontanella);
  • rigidità del collo e del corpo.

Se voi, vostro figlio, o qualcun altro intorno a voi presenta questi sintomi, chiamare un medico il prima possibile.

Ci sono alcuni fattori che possono far aumentare il rischio di sviluppare la meningite, e sono:

  • non vaccinarsi come raccomandato;
  • età: i minori di cinque anni sono a maggior rischio di meningite virale, mentre chi è sotto i venti anni ha maggiori probabilità di contrarre la meningite batterica;
  • gravidanza: le donne in gravidanza corrono un rischio più elevato di contrarre listeriosi, che può causare la meningite e mettere a repentaglio la vita del bambino;
  • sistema immunitario debole: le persone che assumono farmaci che sopprimono il loro sistema immunitario, persone affette da HIV/AIDS, patologie autoimmuni, diabete o soffrono di alcolismo, corrono un rischio maggiore di contrarre la meningite;
  • vivere in dormitori o caserme, frequentare scuole o asili;

È possibile adottare misure per prevenire la meningite:

  • sottoporsi a vaccini per prevenire le infezioni batteriche che causano la meningite;

  • non condividere oggetti di igiene personale, stoviglie e altri oggetti che siano stati a contatto con persone infette o che siano state esposte all'infezione;
  • aiutare il sistema immunitario con sonno adeguato, alimentazione sana, esercizio fisico;
  • lavarsi le mani col sapone sotto l'acqua corrente, soprattutto dopo essere stati in una toilette, prima di cucinare e mangiare, dopo aver toccato animali, dopo essere stati in posti affollati come quelli dei trasporti pubblici;

  • per diminuire il rischio di listeriosi (soprattutto durante la gravidanza), cuocere la carne a una temperatura sufficiente a uccidere i batteri e non mangiare formaggi derivati da latte non pastorizzato.

LEGGETE ANCHE: Infezione da listeria: sintomi, fattori di rischio e prevenzione


Questo post ha scopi puramente informativi. Non intende sostituirsi al parere medico. Fabiosa Italia declina ogni responsabilità in merito a eventuali conseguenze derivanti da qualsiasi trattamento, procedura, esercizio fisico, cambiamenti dell’alimentazione, azione o applicazione di farmaci in seguito alla lettura delle informazioni contenute in questo post. Prima di sottoporsi a qualsiasi trattamento il lettore dovrebbe consultare il proprio medico curante o un altro operatore sanitario.

Raccommandiamo