Influenza intestinale: sintomi, cause, cosa fare

STILE DI VITA & COMMUNITY

Influenza intestinale: sintomi, cause, cosa fare

Date October 9, 2017 16:59

L'influenza intestinale è il termine familiare che usiamo per definire la gastroenterite, ma non ha nulla a che vedere con il virus dell'influenza.

È causato comunemente da virus, come il Norovirus e il Rotavirus, e meno frequentemente da batteri, parassiti e alcune medicine. Molte persone soffriranno di influenza intestinale almeno un paio di volte nella loro vita perché è difficile eliminare completamente i germi che la causano.

I sintomi dell'influenza intestinale variano e dipendono dalla causa; i sintomi più comuni includono diarrea e vomito, che è il modo il cui il tuo corpo cerca di liberarsi degli agenti nocivi. Altri segni e sintomi possono includere:

  • dolore addominale e crampi;
  • debolezza generale;
  • perdita di appetito;
  • febbricola.

I sintomi si manifestano generalmente da 1 a 3 giorni dopo aver contratto il virus, e scompaiono in un paio di giorni, in qualche caso dopo una settimana o più. Negli adulti sani, un'influenza intestinale causata da virus si risolve da sola senza alcun trattamento. Se la causa invece è batterica, potrebbero essere necessari gli antibiotici.

Chiama il tuo medico se:

  • non riesci a trattenere liquidi per più di 24 ore;
  • vomiti costantemente;
  • ci sono tracce di sangue nel vomito;
  • hai sintomi di disidratazione (produci poca urina, il colore delle urine è giallo scuro, hai una sete costante, labbra secche, debolezza e confusione);
  • hai sangue nelle feci;
  • la temperatura supera i 40 gradi.

Chiama il medico se tuo figlio ha i seguenti sintomi:

  • febbre a 38.5 gradi o più;
  • sonnolenza e irritabilità;
  • diarrea con sangue;
  • segni di disidratazione.

Quando hai l'influenza intestinale perdi liquidi preziosi a causa del vomito e della diarrea; se sei un adulto in buona salute, tutto quello che devi fare per prevenire la disidratazione è bere di più (preferibilmente acqua). Neonati, bambini, persone anziane, e persone con un sistema immunitario compromesso corrono un rischio maggiore di disidratazione e potrebbero aver bisogno di reintegrare i liquidi con una flebo.

LEGGETE ANCHE: Malattia di Crohn: quali sono i sintomi e come far sì che la patologia non peggiori

Questo è quello che potete fare per aiutare vostro figlio a guarire dall'influenza intestinale:

  • assicurati che sia ben idratato, l'opzione migliore è una soluzione reidratante orale venduta in farmacia come farmaco da banco;
  • una volta che il suo appetito è tornato normale, dai a tuo figlio cibi leggeri, facili da digerire, come riso, patate, banane e pane tostato prima di tornare alla dieta normale;
  • non dare latticini o cibi zuccherati mentre è ancora malato;
  • assicurati che riposi abbastanza;
  • non dare a tuo figlio prodotti antiemetici o rimedi contro la diarrea senza consultare il pediatra.

Se sei tu a star male con l'influenza intestinale, puoi fare queste cose per migliorare i tuoi sintomi o evitare che peggiorino:

  • bevi molti liquidi per prevenire la disidratazione; per gli adulti, l'acqua è la cosa migliore;
  • riposati a sufficienza;
  • quando ti torna l'appetito, mangia cibi in bianco, come riso, pasta, zuppa e pane fino alla tua guarigione;
  • cibi grassi e piccanti, latticini, caffeina, alcol e nicotina possono peggiorare i tuoi sintomi; cerca di evitarli mentre sei malato;
  • prendi antiemetici e medicine contro la diarrea se il medico te le prescrive.

Fonte: Fonte: MedicineNet, NHS, Mayo Clinic, WebMD

LEGGETE ANCHE: 10 sintomi pericolosi di emorragia del tratto gastrointestinale


Questo post ha scopi puramente informativi. Non intende sostituirsi al parere medico. Fabiosa Italia declina ogni responsabilità in merito a eventuali conseguenze derivanti da qualsiasi trattamento, procedura, esercizio fisico, cambiamenti dell'alimentazione, azione o applicazione di farmaci in seguito alla lettura delle informazioni contenute in questo post. Prima di sottoporsi a qualsiasi trattamento il lettore dovrebbe consultare il proprio medico curante o un altro specialista.