Polmonite: sintomi, fattori di rischio e misure che potrebbero aiutare a prevenirla

Salute e Stile di vita

Che cos'è la polmonite?

La polmonite è un termine medico usato per indicare l'infiammazione dei tessuti di uno o entrambi i polmoni. Più frequentemente è causata da batteri; più raramente è dovuta a virus e funghi. La gravità della malattia dipende dall'età del paziente, dalla causa dell'infiammazione e dalle condizioni di salute generali del soggetto. La maggior parte degli adulti sani guarisce nel giro di poche settimane, ma la polmonite può provocare complicazioni gravi nei bambini, negli anziani e nei soggetti che presentano uno stato di salute compromesso al momento dell'insorgenza della malattia.

Quali sono i sintomi della polmonite?

I sintomi più comuni della polmonite includono:

  • tosse (secca o grassa);
  • respiro affannoso o accelerato;
  • febbre;

  • brividi di freddo;
  • dolore al torace che aumenta quando si respira o si tossisce;
  • battito cardiaco accelerato;
  • inappetenza.

Altri sintomi sono mal di testa, debolezza e stanchezza, nausea e vomito e alterazione dello stato mentale (più comune nei soggetti più anziani).

Se noti i sintomi della polmonite, rivolgiti immediatamente al tuo medico.

Chi presenta un rischio maggiore di contrarre la polmonite e le complicazioni che ne derivano?

Alcuni gruppi di soggetti hanno maggiori probabilità di contrarre la polmonite e di avere delle complicazioni gravi.

Tra questi ci sono:

  • i bambini fino a due anni di età;
  • gli adulti che hanno superato i sessantacinque anni;
  • i fumatori;
  • i soggetti con le difese immunitarie basse, come i malati di HIV/AIDS e cancro;
  • i soggetti affetti da altre patologie, come l'asma, la fibrosi cistica, la broncopneumopatia cronica ostruttiva, il diabete, così come da disturbi cardiaci e renali.

Come si può ridurre il rischio di contrarre la polmonite?

È possibile adottare delle precauzioni per ridurre il rischio di contrarre la polmonite. Esse sono:

  • sottoporsi al vaccino antipneumococco e al vaccino antinfluenzale;
  • smettere di fumare;
  • lavarsi regolarmente le mani con acqua e sapone;
  • rinforzare il sistema immunitario con l'esercizio fisico, un'alimentazione sana e il riposo adeguato.

Fonte: Fonte: WebMD, HealthLine, NHS, Everyday Health

LEGGETE ANCHE: Tutto quello che c’è da sapere sul raffreddore: sintomi, fattori di rischio e come prevenirlo


 È importante sottolineare che tutte le informazioni contenute su Fabiosa Italia sono puramente a scopo INFORMATIVO e in nessun caso devono essere considerate come un consulto, una diagnosi o un trattamento medico professionale. Rivolgetevi sempre al vostro medico; non ignorate né rimandate un consulto medico a seguito di informazioni apprese su questo sito.