Neuropatia diabetica: quali sono i sintomi e come prevenirla

Salute e Stile di vita

Che cos'è la neuropatia diabetica?

La neuropatia diabetica è una seria ma comune complicazione del diabete. Alti livelli non controllati di zucchero nel sangue possono danneggiare i tuoi nervi. Questo tipo di danneggiamento è chiamato neuropatia. Può manifestarsi in diversi modi, ma nella maggior parte dei casi la neuropatia porta con sé diversi problemi di salute e colpisce in una forma o nell'altra tra il 60 e il 70% delle persone che soffrono di diabete. È il motivo per cui è di cruciale importanza monitorare i propri livelli di zucchero nel sangue regolarmente e parlare con il proprio medico se si nota un qualsiasi sintomo di neuropatia.

Tipi di neuropatia diabetica

Esistono quattro tipologie principali di neuropatia diabetica. Se ne può manifestare un solo tipo oppure diversi sintomi di tipologie differenti.  La maggior parte dei problemi si sviluppano in modo molto graduale, quindi è possibile non notare la neuropatia fino a quando non si siano verificati danni visibili. I sintomi e i segni di neuropatia possono essere molto vari, a seconda di quali nervi siano interessati.

La neuropatia periferica colpisce generalmente i piedi e le gambe. In rari casi può coinvolgere le braccia, la schiena e l'addome. I sintomi della neuropatia periferica sono i seguenti: intorpidimento, bruciore (soprattutto la sera) e formicolio.

Se noti uno qualsiasi di questi sintomi consulta il medico per evitare problemi potenzialmente pericolosi per la salute. Solitamente le condizioni migliorano quando il livello di zucchero nel sangue è sotto controllo. Per prevenire la neuropatia periferica, controlla quotidianamente gambe e piedi, utilizza una crema idratante se la pelle è secca, prenditi cura delle unghie dei piedi e utilizza scarpe comode.

La neuropatia autonoma causa solitamente problemi all'apparato digerente. Potrebbe avere anche effetti sullo stomaco e, a volte, sul sistema urinario e sui vasi sanguigni. Quando la neuropatia autonoma coinvolge il sistema digerente si avranno gonfiore, diarrea, bruciore di stomaco, nausea, vomito o costipazione. Consulta il medico per farti prescrivere farmaci in grado di alleviare i sintomi. Pasti più piccoli possono aiutare a sentirsi meglio.

Nei vasi sanguigni la neuropatia autonoma si può manifestare attraverso aumento della frequenza cardiaca, bassa pressione sanguigna, nausea, vertigini o perdita di coscienza quando ci si alza troppo velocemente. Se hai questi problemi, non alzarti troppo velocemente. Potresti anche aver bisogno di un trattamento.

La neuropatia prossimale causa dolore (spesso da un lato) alle cosce, ai fianchi o ai glutei. Questo tipo di neuropatia può anche portare debolezza alle gambe.

Le persone affette da questa condizione necessitano di un trattamento. Fortunatamente una terapia fisica e medica può aiutare a migliorare i sintomi.

La neuropatia focale si sviluppa improvvisamente e colpisce tipicamente alcuni nervi presenti nella testa, nelle gambe o nel busto.  Di solito porta con sé dolore e debolezza muscolare.

Cosa può aiutare a prevenire la neuropatia diabetica?

Le seguenti misure possono ridurre i rischi:

  • controlla la pressione sanguigna;
  • compi scelte alimentari salutari;
  • fai attività fisica;
  • smetti di fumare.

Le persone con il diabete possono prevenire o ritardare la neuropatia diabetica tenendo i livelli di zucchero nel sangue sotto controllo, prendendosi cura dei propri piedi e conducendo uno stile di vita sano.

Fonte: Fonte: Healthline, WebMD, MayoClinic

LEGGETE ANCHE: 5 abitudini benefiche per la salute e utili a controllare il diabete


Questo post ha scopi puramente informativi. Non intende sostituirsi al parere medico. Fabiosa Italia declina ogni responsabilità in merito a eventuali conseguenze derivanti da qualsiasi trattamento, procedura, esercizio fisico, cambiamenti dell’alimentazione, azione o applicazione di farmaci in seguito alla lettura delle informazioni contenute in questo post. Prima di sottoporsi a qualsiasi trattamento il lettore dovrebbe consultare il proprio medico curante o un altro operatore sanitario.