Infezione da listeria: sintomi, fattori di rischio e prevenzione

Salute e Stile di vita

Quanto è grave un'infezione da listeria?

L'infezione da listeria (listeriosi) si sviluppa dopo aver consumato cibo contaminato dal batterio listeria. Le persone in buona salute raramente presentano sintomi gravi e generalmente questa infezione non necessita di trattamento, tuttavia può mettere a rischio la salute di alcune categorie di persone, incluso donne in stato di gravidanza e pazienti con il cancro che stanno affrontando la chemioterapia.

Quali sono i sintomi della listeriosi

I sintomi della listeriosi generalmente si presentano qualche giorno dopo aver mangiato cibo contaminato. In alcuni casi, i sintomi possono presentarsi 30 giorni dopo aver contratto l'infezione, ma anche dopo più tempo.

I sintomi sono gli stessi dell'avvelenamento da cibo, o altre cause, e includono:

  • febbre;
  • brividi;
  • dolori muscolari;
  • nausea e vomito;
  • diarrea.

Se l'infezione si estende al sistema nervoso, i sintomi sono i seguenti:

  • forte mal di testa;
  • irrigidimento del collo;
  • confusione;
  • perdita di equilibrio;
  • convulsioni.

L'infezione da listeria può portare alla meningite se si estende al cervello.

I sintomi nei neonati includono:

  • scarsa voglia di alimentarsi;
  • irritabilità;
  • temperatura corporea più alta o più bassa del normale;
  • difficoltà respiratorie;
  • vomito;
  • eruzione cutanea.

Quando vedere il medico

Cerca urgentemente aiuto medico se:

  • sei incinta e hai la febbre, i brividi o altri sintomi, anche se leggeri;
  • i tuoi sintomi sono gravi;
  • ci sono segni evidenti che l'infezione si è estesa al sistema nervoso;
  • tuo figlio mostra i sintomi.

Chi rischia di contrarre una grave listeriosi

Questo gruppo di persone corre un rischio alto di contrarre una forma acuta di listeriosi e complicazioni varie:

  • persone con più di 65 anni;
  • neonati;
  • donne incinte - le donne stesse spesso presentano solo sintomi lievi - ma esiste un alto rischio per i loro bambini (aborto in grembo, parto di un neonato morto, o una potenziale infezione da listeria dopo la nascita che può risultare fatale);
  • persone con un sistema immunitario compromesso, come pazienti sieropositivi o con AIDS conclamato, pazienti con il cancro che affrontano la chemioterapia.

I casi gravi sono generalmente trattati con antibiotici endovena.

Come si può prevenire un'infezione da listeria

Un'adeguata igiene alimentare è fondamentale per la prevenzione della listeriosi. Per ridurre il rischio di contrarre questa infezione metti in pratica questi consigli:

  • lavati accuratamente le mani con sapone e acqua calda dopo aver usato il bagno e prima e dopo aver preparato o maneggiato cibo;
  • lava le superfici della cucina e gli utensili attentamente, specialmente dopo aver preparato carne cruda, pollame e uova;
  • lava la frutta e la verdura usando una spugna abrasiva o una spazzola di origine vegetale;

  • cucina con attenzione, usa un termometro per alimenti pulito per controllare che il cibo sia caldo abbastanza per consumarlo senza correre rischi;
  • separa i cibi crudi da quelli pronti da mangiare; non mettere carne cruda sopra quella pronta da mangiare nel frigo;
  • conserva gli alimenti seguendo accuratamente le istruzioni sulle etichette.

Le persone che corrono un grande rischio di contrarre la listeriosi (specialmente le donne in stato interessante) dovrebbero evitare questi cibi:

  • pâté refrigerato o di carne;
  • frutti di mare affumicati conservati in frigorifero;
  • panini con wurstel, cibi precotti e affettati (a meno che non vengano riscaldati fino ad essere fumanti);
  • formaggi a pasta molle, latte crudo e qualunque prodotto fatto con latte crudo.

Fonti: NHS UK, Mayo Clinic, WebMD, Mayo Clinic News Network

LEGGETE ANCHE: L’igiene delle mani è molto importante, soprattutto quando si tratta del cibo


Questo post ha scopi puramente informativi. Non intende sostituirsi al parere medico. Fabiosa Italia declina ogni responsabilità in merito a eventuali conseguenze derivanti da qualsiasi trattamento, procedura, esercizio fisico, cambiamenti dell'alimentazione, azione o applicazione di farmaci in seguito alla lettura delle informazioni contenute in questo post. Prima di sottoporsi a qualsiasi trattamento il lettore dovrebbe consultare il proprio medico curante o un altro specialista.